Differenze tra le versioni di "Monte San Francesco in Pertica"

(Rimossa crono per cautela, se arriva autorizzazione si può ripristinare)
Un mondo fino ad allora ''naturale'', in cui la religione accudiva ancora un popolo che, per la gran parte ridotto alla massima indigenza, era bisognoso di leggere negli eventi naturali un qualche senso per la propria esistenza. Era lo stesso ambiente e la stessa epoca in cui sorse la ''spiritualità delle Romite ambrosiane,'' che la gente chiamava ''le selvatiche'' per la loro radicale scelta di vivere nei boschi, fuori da ogni mondanità.<blockquote>Si narra in uno degli eventi miracolosi attribuiti a ''[[Caterina Moriggi]]'' (fondatrice dell'ordine monastico tuttora attivo al Sacro Monte) che, all'indomani della sua morte nel 1478, fu un ''padre Jacopo di San Francesco in Pertica'' a condurre una fanciulla affetta da una grave forma di sordità causatale da cisti facciali; questa portò al feretro una maschera di cera con la sua effigie e la Beata compì il miracolo della guarigione.</blockquote>
== Bibliografia ==
* Andrea Ganugi, ''Monte San Francesco sopra Velate: la cancellazione repentina di una storia millenaria'', Youcanprint,Pietro 2013Macchione Editore 2016
 
{{Sacri Monti Unesco}}
153

contributi