Differenze tra le versioni di "Operazione Desert Shield"

m
Annullate le modifiche di 5.89.219.117 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.65.161.215
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale Sequenze di caratteri ripetuti da parte di un nuovo utente o IP
m (Annullate le modifiche di 5.89.219.117 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.65.161.215)
{{Infobox conflitto
 
<!--template semplificato-->
 
|Tipo = Operazione militare
'''''A ME PIACE LA''''' '''''FIGA NON STA MERDA'''''
|Nome del conflitto = Operazione Desert Shield
|Immagine = French AMX-10RC in the desert.JPEG
|Didascalia = [[AMX-10RC]] francesi durante l'operazione Desert Shield.
|Data = dal 7 agosto [[1990]] al 16 gennaio [[1991]]
|Luogo = [[Golfo Persico]]
|Schieramento1 = {{USA}} e le altre nazione della coalizione
|Schieramento2 = {{IRQ 1991-2004}}
}}
 
L<nowiki>'</nowiki>'''operazione Desert Shield''' (in italiano "scudo del deserto") fu un'operazione militare su vasta scala condotta a partire dal 7 agosto [[1990]] e fino alla mezzanotte del 16 gennaio [[1991]].
A quel punto, dopo aver dato il via libera all'attuazione dell'operazione, in poche settimane la macchina logistica militare internazionale, fu in grado di trasportare nelle vaste aree del deserto saudita per via aerea, terrestre e navale, centinaia di migliaia di uomini, migliaia di tonnellate di armamenti e decine di migliaia di tonnellate di viveri, munizioni ed altri mezzi utili al sostentamento di una potente forza militare per un periodo prolungato.
 
== Cooperazione internazionale ==
Molti furono i militari Italiani che presero parte a questa avanzata,tra questi ricordiamo '''Matteo Ferretti,Stefano Spadoni,Luigi Orsaro,Cesare Ferretti,Gianfranco Montanari,Cesare Rinaldi.'''
 
Questi ultimi aprirono uno sbocco sotto il fuoco nemico per l'avanzata Statunitense-Italiana ai danni di un accampamento di Saddam Hussein.
Seguendo un'abile strategia di alleanze ed amicizie internazionali, gli Stati Uniti furono in grado, nel giro di pochissime settimane, di ottenere il sostegno politico, economico e soprattutto militare di più di 34 nazioni mondiali.
 
76 758

contributi