Differenze tra le versioni di "Palazzo Bernardo e Giuseppe De Franchi"

note
(note)
Con i bombardamenti della [[seconda guerra mondiale]], il palazzo ebbe seri danni alle decorazioni interne. oggi è possiile amirare due saloni monumentali con gli [[affreschi]] di [[Bernardo Castello]], ''Scene della [[Gerusalemme]] liberata'', e di [[Domenico Fiasella]], ''[[Sansone]] che stermina i [[Filistei]]''. Gli affreschi del Castello furono eseguiti nel primo decennio del Seicento, dopo che il pittore, che aveva lo studio nella stessa piaza della Posta, aveva illustrato l'edizione genovese della ''[[Gerusalemme liberata|Gerusalemme Liberata]]'' del 1590, essendo stato poco tempo prima a Ferrara per conoscere personalmente il [[Torquato Tasso|Tasso]]<ref>CASTELLO, Bernardo, Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 21 (1978), di '''Giuliana Biavati'''
</ref>.
==Note==
<references />
 
Il piano nobile del palazzo è stato sede provinciale del [[Partito Socialista Italiano]] dal 1952 al 2003,anno in cui la proprietà dei due piani nobili dell'edificio è stata ceduta per poco meno di 1 miliardo di lire a privati.