Piastrina: differenze tra le versioni

2 byte aggiunti ,  5 anni fa
m
stile e refusi
(Corretto errore battitura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m (stile e refusi)
Hanno duplice compito:
1. Quello di mantenere fluido il sangue all'interno dei vasi sanguigni
2. Quello di farlo coagualrecoagulare quando viene a contatto con l'aria.
Sono prodotte dal midollo rosso della ossa, vivono circa 10 giorni e poi sono anch'esse distruttadistrutte nella milza. Un millimetro cubo di sangue ne contiene in media 300.000.
La Piastrine, come i globuli rossi, sono, dunque, corpuscoli "usa e getta", perché si logorano molto in fretta e, terminato il loro compito, vengono distrutti. Nel frattempo altri sono in produzione nel midollo osseo per rimpiazzarlorimpiazzarli.
 
==Caratteristiche==
Le piastrine sono corpuscoli privi di nucleo del sangue circolante. Sono prodotte a livello del [[midollo osseo]] e si originano dalla frammentazione di precursori midollari chiamati '''megacariociti'''. I megacariociti si formano da cellule staminali, che subiscono una divisione ripetuta del nucleo cellulare (cariochinesis), non seguita dalla citodieresi (la frammentazione del citoplasma e della membrana cellulare). Di seguito, il citoplasma attorno al megacarion inizia una gemmazione producendo le piastrine, che maturano nel circolo sanguineo. Le piastrine sono presenti nel sangue circolante in numero di 250000–400000 per mm³ di sangue ed hanno una vita media di 5–9 giorni: questo numero può tuttavia variare anche significativamente in condizioni fisiologiche particolari, come per esempio nell'esercizio fisico.
Non essendo cellule, sono prive di [[Nucleo cellulare|nucleo]], ma possiedono granuli, molti organuli citoplasmatici ed RNA. Si presentanoSono di forma tondeggiante ooppure ovale di circa 2-4µm<ref>{{cita libro
| cognome = Campbell| nome = Neil A.| titolo = Biology| ed = 8| anno = 2008| editore = Pearson Education| città = Londra| ISBN = 978-0-321-53616-7| pagine = 912| lingua = inglese| citazione = Platelets are pinched-off cytoplasmic fragments of specialized bone marrow cells. They are about 2–3µm in diameter and have no nuclei. Platelets serve both structural and molecular functions in blood clotting.}}</ref>.
 
Al microscopio ottico presentano due zone distinte: una centrale granulare (''granomero'') e una zona periferica quasi ialina (''ialomero''). All'interno del [[citoplasma]] presentano in particolare [[actina]], sia in forma [[polimero|polimerica]] (''microfilamenti''), complessata con la profilina, che in forma globulare.
 
Morfologicamente nellanelle '''piastrinapiastrine''' sono rilevabili granuli, suddivisi in tre tipi:
* Granuli '''α''': poco opachi e molto numerosi, contenenti [[fibrinogeno]], [[fattore di von Willebrand|fattore von Willebrand]], [[fattore V]], [[fibronectina]], [[Fattore piastrinico 4|fattore quarto piastrinico]], la [[trombospondina]] e fattori di crescita (ad esempio [[Fattore di crescita derivato dalle piastrine|PDGF]], [[TGF beta]])
* Granuli densi o '''δ''' (risultano maggiormente elettrondensi in microscopia elettronica): [[Istamina]], [[Serotonina]], [[Calcio (elemento)|Ca<sup>2+</sup>]], [[Adenosina difosfato|ADP]] e [[Adenosina trifosfato|ATP]].
{{Vedi anche|Emostasi}}
 
In seguito a lesione vasale, le piastrine sono in grado di ancorarsi al connettivo del subendotelio. Le piastrine aggregate rilasciano [[Trombospondina]] e [[Adenosina difosfato|ADP]], che permettono l'aggregazione piastrinica, [[Acido Arachidonico]], che, trasformato in [[Trombassano A2]], ha il compito di vasocostrittore e di aumentare la permeabilità del vaso e viene espresso anche il [[fattore piastrinico 3]], responsabile del successivo ancoraggio della fibrina.
Affinché venga a crearsi un trombo è necessario che la fibrina si attivi e polimerizzi in una struttura a rete che conferirà robustezza al trombo. [[La fibrina]] è presente nel sangue come precursore, ovvero il [[fibrinogeno]], questo si attiva grazie ad una cascata di attivazioni.
 
La presenza di [[Fibroplasmina]] (di origine sia tissiutaletissutale sia piastrinica) porta ad attivare diversi fattori, che culminano con la trasformazione della [[Protrombina]] in [[Trombina]]. La [[Trombina]] ha sia una funzione di attivatore piastrinico sia, in presenza di Calcio di attivatore del Fibrinogeno in [[Fibrina]]. In seguito alla polimerizzazione della [[Fibrina]] si ha la creazione di un trombo piastrinico.
 
Trascorsa una o due ore avviene la contrazione della lesione grazie all'azione didella [[actina]] e della [[miosina]], e questo diminuisce la perdita di sangue. Quando la lesione è guarita l'endotelio rilascerá il fattore attivatore del [[Plasminogeno]], che convertirà il [[plasminogeno]] in [[plasmina]]. La [[plasmina]] insieme ai granuli lambda andrà a degradatedegradare il trombo.
 
Alcune malattie emorragiche sono causate da difetti piastrinici qualitativi ([[piastrinopatia|piastrinopatie]]) o quantitativi ([[piastrinopenia|piastrinopenie]]).
588

contributi