Differenze tra le versioni di "Rosa d'oro"

m (Bot: Specificità dei wikilink; modifiche estetiche)
 
Fino alla riforma della [[Corte pontificia]] del [[1968]] esisteva l'incarico di latore della rosa d'oro, affidato ad un [[cameriere pontificio|cameriere laico]], generalmente un principe romano, che s'incaricava di consegnare materialmente una rosa d'oro alle personalità, o ai santuari, a cui era indirizzata dal papa.
La carica di latore della Rosa d’Oro venne istituita come carica di corte stabile da [[papa Leone XIII]] nel 1893 con personaggi spesso provenienti dal mondo della diplomazia pontificia. Tale carica venne ricoperta dal conte [[Soderini (famiglia)|Soderini]] fino al [[1910]] quando [[Pio X]] decise di abolirla in quanto giudicata non stabile. La carica venne inseguito ripristinata da [[Pio XII]] nel [[1941]] quando essa venne attribuita a due principi romani, Luigi Massimo Lancellotti ed Enrico Barberini, (quest’ultimo morto nel [[1958]] e sostituito dal conte Giuseppe Dalla Torre Del Tempio di Sanguinetto).
 
== Destinatari della Rosa d'oro ==
Utente anonimo