Differenze tra le versioni di "Auditorium Rai di Napoli"

nessun oggetto della modifica
Aveva una capienza all'origine di 1000 posti a sedere, su poltroncine reclinabili in velluto blu, in uno spazio di 800 m² completamente insonorizzato con elementi in legno dalla caratteristica conformazione, studiati per ottimizzare il rendimento acustico, che facevano di questo auditorium una struttura unica in Italia. Il palco di 400 m² era sormontato da un maestoso [[organo (strumento musicale)|organo]], uno dei più grandi d'Italia, costruito negli [[anni 1950|anni cinquanta]] dalla ditta [[Tamburini]].
 
Recentemente è stato effettuato un restauro della struttura dallo studio partenopeo ''Gnosis Architettura''<ref>{{Cita pubblicazione|nome=Alessandro Pergoli|cognome=Campanelli|titolo="Il Recupero dell&#39;auditorium Rai di Napoli" in |pubblicazione=L&#39;Architetto italiano, |volume=II, |numero=16, |anno=2006, pp. |pagine=108-111.|accesso=2016-11-21|url=http://www.academia.edu/18093435/_Il_Recupero_dellauditorium_Rai_di_Napoli_in_LArchitetto_italiano_II_16_2006_pp._108-111}}</ref>.
 
== La sede dell'Orchestra RAI ==
Utente anonimo