Apri il menu principale

Modifiche

m
Un'attività speciale ebbe il cantiere quando vennero in uso le navi a vapore. Dal 1841 al 1846 il cantiere costruì quattro [[pirocorvetta|pirocorvette]]: ''[[Archimede (pirofregata)|Archimede]]'', ''[[Carlo III (nave)|Carlo III]]'', ''[[Ercole (nave)|Ercole]]'' e ''[[Sannita (vascello)|Sannita]]''.
 
Quando alla dinastia borbonica successe il governo di Garibaldi erano in costruzione la pirofregata ''[[Farnese (nave)|Farnese]]'' in seguito ridenominata ''[[Italia (nave)|Italia]]'', Lala pirocorvetta ''[[Etna (navepirocorvetta)|Etna]]'' e in allestimento la pirofregata ''[[Borbona (fregata)|Borbona]]'' in seguito ''[[Giuseppe Garibaldi (fregata)|Giuseppe Garibaldi]]'' varata il 18 gennaio [[1860]].
 
Il nuovo secolo portò un progresso tecnologico che si concretizzò in migliori infrastrutture di collegamento dell'area dei cantieri con il centro cittadino: fra il [[1906]] e il [[1946]] gli stessi furono serviti della [[tranvia Castellammare di Stabia-Sorrento]].