Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 2 anni fa
nessun oggetto della modifica
{{citazione| Le forme particolari di pensiero simbolico in cui l'assetto fondamentale della Cabala ha trovato la propria espressione, possono rappresentare poco o nulla per noi (sebbene ancor oggi non riusciamo a sfuggire, a volte, alla loro potente attrazione). Ma il tentativo di scoprire la vita che si cela sotto le forme esteriori della realtà e di render visibile quell'abisso in cui la natura simbolica di tutto ciò che esiste si rivela: tale tentativo è importante per noi oggi quanto lo era per gli antichi mistici. Fintanto che la natura e l'essere umano sono concepiti quali [[Dio (Ebraismo)|Sue]] creazioni – e tale è la condizione indispensabile di una vita religiosa altamente sviluppata – la ricerca della vita nascosta dell'elemento trascendente in questa creazione formerà sempre una delle preoccupazioni più importanti della mente umana.|[[Gershom Scholem]], ''Major Trends'', p. 38}}
 
La '''cabala''', '''cabbala''', '''qabbaláh''' o '''kabbalah''' ({{ebraico|'''קַבָּלָה'''}}, letteralmente 'ricevuta', 'tradizione'<ref>{{cita web|url=http://www.morfix.co.il/קַבָּלָה|titolo=קַבָּלָה|sito=Morfix™, ™מורפיקס|editore=Melingo Ltd|accesso=20 maggio 2016|lingua=he}}</ref>) è l'insieme degli insegnamenti [[Esoterismo|esoterici]] e [[Misticismo|mistici]] propri dell'[[ebraismo rabbinico]], già diffusi a partire dal [[XII secolo|XII]]-[[XIII secolo]]<ref>{{en}}{{q|[...] Beginning at the end of the twelfth century, this term [Kabbalah] refers mainly to the articulation of Jewish secret lore by the rabbinical elite. [...] As a historical phenomenon, the first appereance of kabbalistic treatises and historical information on kabbalistic figures dates to the late twelfth century and the beginning of the thirteenth century.|Raphael Patai, ''Encyclopedia of Jewish Folklore and Traditions'', p.287. Routledge, 2012. ISBN 978-0-7656-2025-5.}}</ref>; in un suo significato più ampio, il termine intende quei movimenti esoterici sorti in ambito ebraico con la fine del [[periodo del Secondo Tempio]].<ref>Dalla voce "Kabbalah" su ''[[Encyclopaedia Judaica]]'':{{Citazione|Cabala è il termine tradizionale e più comunemente usato per gli insegnamenti esoterici dell'[[ebraismo]] e del [[misticismo ebraico]], specialmente nelle forme assunte durante il [[Medioevo]] dal [[XII secolo]] in poi. In senso lato indica tutti i movimenti esoterici successivi dell'ebraismo che si sono evoluti dalla fine del [[periodo del Secondo Tempio]] e sono diventati fattori attivi nella storia di [[Israele]].|[[Gershom Scholem]]. ''Kabbalah'' in ''Enciclopaedia Judaica'' vol.11. New York, Gale, 2007, p. 587}}</ref>
 
Un [[Cabalisti ebrei|cabalista tradizionale]] nell'ebraismo viene chiamato ''Mekubbal'' ({{ebraico|מְקוּבָּל}}).
Utente anonimo