Differenze tra le versioni di "Costituzioni apostoliche"

nessun oggetto della modifica
(→‎Bibliografia: Aggiunto Metger 1992)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
{{c|Fonti contrastanti.|cristianesimo|marzo 2011}}
{{T|inglese|cristianesimo|marzo 2011}}
Le '''''Costituzioni apostoliche''''' (''Constitutiones Apostolorum'' in [[Lingua latina|latino]], ''Διαταγαὶ τ˜ων ἂγίων ἀποστόλων διὰ Κλήμεντος'' in [[Lingua greca antica|greco]]) sono una grande opera di argomento [[Diritto canonico|canonico]]-[[liturgia|liturgico]], datata fra il [[375]] ed il [[380]]. Sono concepite come un manuale di orientamento per il clero, e in qualche misura per i laici, che sarebbe stato dettato direttamente dai [[Dodici Apostoli]].
 
Generalmente si ritiene che provenganoprovenga dalla [[Siria]], forse da [[Antiochia]],<ref>{{en}} Paul F. Bradshaw, ''The search for the origins of Christian worship. Sources and methods for the study of early liturgy'', Oxford, Oxford University Press, 2002, pp. 85-87. ISBN 978-0-19-521732-2.</ref> e nel testo si possono cogliere delle tracce di [[arianesimo]]. Recentemente alcuni studiosi hanno confermato che l'autore è lo stesso delle [[Lettere di Ignazio#Le lettere pseudoepigrafe|lettere pseudoepigrafe di Ignazio]], e cioè il [[vescovo]] [[Anomei|eunomiano]] del [[IV secolo]] Giuliano di [[Cilicia]].<ref>In particolare Dieter e Ursula Hagedorn, "Zur Katenenüberlieferung des Hiobkommentars von Didymos dem Blinden", in ''The Bulletin of the American Society of Papyrologists'', vol. 22, n. 1-4 (1985), pp. 55-78, ma anche Pierre Nautin in ''Dizionario patristico e di antichità cristiane'' (diretto da Angelo Di Berardino), Casale Monferrato, Marietti, 1983-1984, coll. 825-826. Cfr. anche "{{Cita|Le Costituzioni apostoliche (IV sec.)"|p. 370}} e {{en}} Ronald Claud Dudley Jasper e Geoffrey J. Cuming, ''Prayers of the Eucharist: early and reformed'', Collegeville, The Liturgical Press, 1990, p. 100. ISBN 0-8146-6085-1.</ref>
 
== Contenuto ==