Differenze tra le versioni di "Franco Gasparri"

nessun oggetto della modifica
(Piccole aggiunte con nota relativa)
Ha avuto due figlie nate dal matrimonio con Stella Macallè, [[Stella Gasparri|Stella]] - detta Stellina - e Luna, nate rispettivamente nel [[1975]] e nel [[1978]].
 
== Attore bambinoCarriera ==
 
La carriera cinematografica di Franco Gasparri comincia da adolescente nei primi [[anni 1960|anni sessanta]] come [[attore bambino]] specializzato in piccoli parti di comprimario in film di genere [[peplum]], quali ''[[Goliath contro i giganti]]'' ([[1961]]), ''[[Sansone (film 1961)|Sansone]]'' (1961) e ''[[La furia di Ercole]]'' ([[1962]]).<ref>{{Imdb}}.</ref>
 
== "Star" dei fotoromanzi ==
Stereotipo e modello della bellezza maschile, da adulto ebbe grande popolarità soprattutto come attore di [[fotoromanzo|fotoromanzi]] della ''[[Lancio (casa editrice)|Lancio]]'' (spesso accanto a colleghe di fama come [[Michela Roc]], [[Claudia Rivelli]], [[Adriana Rame]], ecc.), pur interpretando anche nel [[cinema]] ruoli di primo piano che gli fecero ottenere ampi consensi particolarmente nel pubblico femminile.
 
== La trilogia di "Mark il poliziotto" ==
Gasparri torna al cinema negli [[anni 1970|anni settanta]] con la trilogia ''[[Mark il poliziotto]]'' ([[1975]]), ''[[Mark il poliziotto spara per primo]]'' (1975) e ''[[Mark colpisce ancora]]'' ([[1976]]), per la regia di [[Stelvio Massi]]. Tutti e tre i film ebbero eccezionali incassi al botteghino e si inserirono fra i migliori del filone "[[poliziottesco]]" in voga in quel periodo.
 
Sempre nel 1975 Gasparri interpretò ''[[La peccatrice (film 1975)|La peccatrice]]'', regia di [[Pier Ludovico Pavoni]], mentre un anno prima, nel [[1974]], era stato interprete ne ''[[La preda (film 1974)|La preda]]'', regia di [[Domenico Paolella]], insieme all'attrice eritrea [[Zeudi Araya]].
 
== L'incidente die motociclettala scomparsa ==
Il 4 giugno [[1980]] Gasparri fu vittima di un incidente con la sua [[motocicletta]], una [[Kawasaki 900 Z1|Kawasaki Z900]] nera in suo possesso da diversi anni, in seguito al quale rimase [[paralisi|paralizzato]] dovendo interrompere prematuramente la sua carriera d'attore, ma non quella di redattore sulle riviste di fotoromanzi.
Morì nel [[1999]] all'ospedale San Carlo di Nancy a seguito di un'improvvisa crisi respiratoria; cinque anni prima aveva perso la moglie Stella.
Utente anonimo