Differenze tra le versioni di "Cerami"

2 byte rimossi ,  2 anni fa
m
Bot: sistemo sezione sulle origini del nome (v. discussione)
m (Corretto: "vicino a")
m (Bot: sistemo sezione sulle origini del nome (v. discussione))
}}
 
=== OrigineOrigini del nome ===
L'[[etimologia]] del nome ha probabilmente origine da ''kèramos'', il cui significato è ''[[argilla]] cotta'', o anche da ''[[kerma]],'' macigno. Secondo un'altra ipotesi l'origine potrebbe anche trovarsi nel ricordo di una cittadina greca dell'Asia Minore, di nome ''Kerme'', che sorgeva sulle rive del golfo omonimo. I [[Kerameikos|Keramei]] era un popolo dell'[[Attica]] che si insediarono nella [[Sicilia]] meridionale. Un alto feudatario di [[Ruggero il Normanno]], si chiamava Theophanes Kerameus, progettista, forse, della [[Cappella Palatina (Palermo)|Cappella Palatina]] di [[Palermo]].<ref>Biblio : vedi "Federico II" , di David Abulafia, ed. Einaudi.</ref>
== Storia ==
Le origini del borgo sono antiche, e con ogni probabilità risalgono ai greci. I reperti archeologici venuti alla luce nei saggi di scavi effettuati in via Roma nel [[1971]] fanno collocare le origini di Cerami tra il IV ed il V secolo a.C. La carenza di fonti impedisce la ricostruzione della storia delle origini di Cerami.
=== L'Ottocento e l'era moderna ===
L'Ottocento fu un secolo di ulteriore risveglio nella vita di Cerami. La famiglia [[Rosso (famiglia)|Rosso]] è sempre la guida del paese, tranne qualche parentesi. Cresce ancora la popolazione, che nel 1852 arriva a 5.162 unità.<ref>Un po' meno del doppio della popolazione attuale.</ref> Il centro della vita paesana si sposta verso sud. Due avvenimenti scuotono, in questo periodo, la vita di Cerami. Nel [[1848]] il popolo si ribella contro la [[tassa sul macinato]]. Nel [[1860]], durante disordini popolari, viene trucidata la famiglia Fego. Cerami non rimase estranea agli ideali risorgimentali, mazziniani, repubblicani, tenuti vivi da due uomini, Francesco Paolo Schifani prima, torturato dai borbonici, e l'avvocato Giuseppe Anello poi, che agiva in stretto rapporto di collaborazione con Antonio Giuseppe Schiaccitano di Capizzi. L'Anello lasciò delle lettere di Mazzini, andate smarrite o distrutte. Si restaurano, si abbelliscono in questo secolo, le chiese. La borghesia locale acquista una certa potenza; gareggia, o cerca di gareggiare, con le famiglie nobili dei paesi vincitori, insegue la ricchezza, mira ai posti di comando. Non mancano esperti muratori, scalpellini, falegnami, come dice Pagliaro Bordone, accanto ai quali lavorano altri venuti da fuori. Non c'era infatti a Cerami un artigianato come a Nicosia, Capizzi, [[Troina]], dove gli artigiani erano quasi degli artisti e formavano maestranze, pur attingendo e copiando da varie e diverse scuole. Langue la vita religiosa, malgrado le frequenti feste in onore dei vari santi.
=== Origine del nome ===
L'[[etimologia]] del nome ha probabilmente origine da ''kèramos'', il cui significato è ''[[argilla]] cotta'', o anche da ''[[kerma]],'' macigno. Secondo un'altra ipotesi l'origine potrebbe anche trovarsi nel ricordo di una cittadina greca dell'Asia Minore, di nome ''Kerme'', che sorgeva sulle rive del golfo omonimo. I [[Kerameikos|Keramei]] era un popolo dell'[[Attica]] che si insediarono nella [[Sicilia]] meridionale. Un alto feudatario di [[Ruggero il Normanno]], si chiamava Theophanes Kerameus, progettista, forse, della [[Cappella Palatina (Palermo)|Cappella Palatina]] di [[Palermo]].<ref>Biblio : vedi "Federico II" , di David Abulafia, ed. Einaudi.</ref>
== Società ==
=== Evoluzione demografica ===
2 645 689

contributi