Differenze tra le versioni di "Felice Laudadio"

correzioni
(integrazioni)
(correzioni)
 
==Curiosità==
È fratello del regista [[Francesco Laudadio]], prematuramente scomparso nel [[2005]], in memoria del quale è stata creata l'associazione culturale "Fondazione Francesco Laudadio" che assegna il Premio Opera prima del [[Bif&st]] e che pubblica opere letterarie e sceneggiature inedite da lui scritte, fra le quali - postumi - la sceneggiatura del film ''Intifada'' e i romanzi ''[[Scrivano Ingannamorte]]'', con prefazione di [[Andrea Camilleri]] (Sellerio, 2007), e ''[[La sirena delle 10. Cronaca dell'organizzazione degli scioperi operai del marzo 1943 a Torino]]'', con prefazione di [[Maurizio Landini]] e introduzione di [[Alexander Höbel]] (Fondazione Francesco Laudadio, 2016),Il. Nipote di Felice Laudadio Massimiliano Laudadio è l'inviato del Tg D'attualità del TG5 Striscia la notizia che si occupa delle ingiustizie in Italia.
 
Ha partecipato ad un episodio della serie TV ''[[Le cercle du cinéma]]'' ([[1997]]) e ai documentari ''[[Il falso bugiardo]]'' ([[2008]]) di [[Claudio Costa (regista)|Claudio Costa]], dedicato allo sceneggiatore [[Luciano Vincenzoni]], ''[[Diversamente giovane]]'' ([[2011]]), dedicato a [[Giovanna Cau]], la leggendaria avvocatessa delle più grandi personalità del cinema italiano del dopoguerra, e ''[[Quattro volte vent'anni]]'' ([[2012]]), dedicato a [[Giuliano Montaldo]], entrambi diretti da [[Marco Spagnoli]], del quale ha prodotto per il [[Bif&st]] il documentario ''[[Unico: Francesco Rosi racconta Gian Maria Volonté]]''. Nel [[2013]] ha realizzato una videointervista con [[Andrea Camilleri]] dedicata alla figura e all'opera di uno dei massimi formatori di attori, [[Orazio Costa]], dal titolo ''A cavallo di un cavillo''.
96

contributi