Differenze tra le versioni di "Storia di Monteleone d'Orvieto"

{{citazione|fu notevolissimo huomo... per tutti quei tempi in ogni virtù di lettere, di soldato et di quello che di virtù, di senno debba havere un gentiluomo e specialmente in lealtà Fu integerrimo, né riguardò a fatiche né patimenti per servitio della Chiesa, et con dispendio della casa nostra. Morì di età di 63 anni. Dico questo perché quelli che discenderanno di casa Montemarte habbino tutti a memoria le virtù e buone opere sue et in specialità essere fedele et amare la Chiesa et cose sue, come esso fece in tutto l'tempo di vita sua|Francesco di Montemarte Conte di [[Corbara (Orvieto)|Corbara]], ''Cronaca inedita degli avvenimenti d'Orvieto e d'altre parte d'Italia dall'anno [[1333]] all'anno [[1400]]'', corredata di note storiche e d'inediti documenti dal Marchese Filippo Antonio Gualterio stamperia Reale [[1846]] [[Torino]] }}
 
=== Fine 1300 - La controversia con il Pellino - Monteleone va a Francesco di Montemarte ===
[[File:Stemma Baglioni.png|thumb|Lo stemma dei Baglioni]]
Nel [[1393]] Pellino [[Baglioni (famiglia)|Baglioni]], che ha la proprietà di Castel della Pieve, pone a saccheggio [[Piegaro]], fa uccidere molti fra i migliori uomini e ne caccia 40; la maggior parte dei fuoriusciti ripara nel castello di [[Monteleone d'Orvieto|Monteleone]].
3 087

contributi