Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot, replaced: Categoria:Persone legate all'Università di Sassari → Categoria:Persone legate all'Università degli Studi di Sassari
 
==Biografia==
Studiò prima [[filosofia]], quindi si iscrisse a [[medicina]], dove fu allievo di [[Gian Tommaso Anforni]] e di [[Gianfrancesco Cigna]] e si laureò nel [[1793]]. Fu aggregato al Collegio medico nel [[1802]].
 
Nel [[1804]] fu chiamato a [[Sassari]], dove la corte [[Casa Savoia|sabauda]] era stata costretta a rifugiarsi dopo l'occupazione [[Napoleone|napoleonica]], da [[Giuseppe Audiberti]], archiatra di [[Vittorio Emanuele I]]. In quella circostanza, fu nominato professore di medicina pratica nell'[[Università di Sassari]].
 
Prima di recarsi nell'[[Sardegna|isola]], fondamentale fu il passaggio da [[Firenze]], dove incontrò [[Felice Fontana]] e [[Paolo Mascagni]].
 
Dopo la [[Restaurazione]] venne nominato medico di corte. Inoltre, nel [[1814]] gli fu conferita la cattedra di anatomia all'[[università di Torino]] e vi fondò un [[museo di Anatomia Umana di Torino|Museo]] che oggi porta il suo nome, ove è possibile ritrovare altri illustri nomi della medicina quali [[Carlo Giacomini]]. Insegnò anche presso l'[[Accademia delle Belle Arti]] e venne eletto membro dell'[[Accademia delle Scienze di Torino|Accademia delle Scienze]].
 
==Attività scientifica==
Nel [[1809]] pubblicò a Sassari il celebre ''Saggio sopra la vera struttura del cervello dell'uomo e degli animali e sopra le funzioni del sistema nervoso''.
 
A lui si deve la scoperta delle ramificazioni cerebrali; è legata al suo nome la scissura sulla faccia esterna degli emisferi cerebrali ([[scissura di Rolando]]).
 
Fu un osservatore preciso e puntiglioso della realtà che lo circondava esaminando con scrupolo gli apparati e i sistemi nelle loro strutture e proprietà, per poterne discernere chiaramente la fenomenologia.
{{Portale|biografie|medicina}}
 
[[Categoria:Persone legate all'Università degli Studi di Sassari]]
2 569 740

contributi