Abu Faris Abd Allah: differenze tra le versioni

m
Bot: Correggo errori comuni, typos fixed: così dette → cosiddette, <br → <br / (3)
m (Bot: Sostituzione automatica (-ulema +ʿulamāʾ))
m (Bot: Correggo errori comuni, typos fixed: così dette → cosiddette, <br → <br / (3))
Alla morte di Aḥmad al-Manṣūr nel 1603 i notabili di Fes nominarono Zaydān sultano, ma i notabili di Marrākesh non accettarono la nomina e proclamarono sultano Abū Fāris ʿAbd Allāh, noto per la sua obesità e per il fatto che aveva frequenti attacchi [[epilessia|epilettici]]. Un nobile di [[Meknes]] liberò [[Muhammad al-Shaykh al-Ma'mun|al-Maʾmūn]] dalla sua prigionia, che si recò a Marrākesh.
 
Abū Fāris mandò suo figlio ʿAbd al-Malik, assistito da [[Judar Pascià|Judār Pascià]] (il generale che aveva conquistato l'[[Impero Songhai]] per conto di Aḥmad al-Manṣūr), a combattere Zaydān a Fes. Abū Fāris venne convinto del fatto che suo figlio non avrebbe avuto speranze contro Zaydān e così dettecosiddette il comando dell'esercito al fratello al-Maʾmūn, credendo che gli abitanti di Fes avrebbero ben visto e non avrebbero combattuto il loro ex governatore.<br />
I due eserciti si affrontarono nei pressi di un fiume vicino a Fes. Al-Maʾmūn ebbe la meglio e [[Zaydan al-Nasir]] fuggì a [[Oujda]]. Al-Maʾmūn a Fes si rifiutò di riconoscere la sovranità del fratello e si fece proclamare sultano, preparò quindi un esercito e marciò contro [[Marrakesh]], sconfiggendo il fratello Abū Fāris ʿAbd Allāh che fuggì. Si dice che al-Maʾmūn a Marrākesh abbia abusato delle concubine e delle mogli del padre [[Ahmad al-Mansur]], inoltre venne visto pubblicamente bere vino e mangiare prima del tramonto durante il [[Ramadan]] (il Ramadan del 1607 fu nel mese di gennaio). Al-Maʾmūn divenne presto impopolare e alcuni notabili, nobili e generali di Marrākesh scrissero una lettera a Zaydān, chiedendoli di venire nella città per farsi nominare sultano. [[Zaydan al-Nasir]] entrò nella città di nascosto nella notte. I cospiratori uccisero il ''qāʾid'' ʿAbd Allāh al-Aʿrāj, il principale sostenitore di al-Maʾmūn, costringendo quest'ultimo a fuggire dalla città e nominando Zaydan sultano.<br />
Al-Maʾmūn fuggì e si riconciliò con il fratello Abū Fāris ʿAbd Allāh a [[Ksar El Kebir]]. I generale Muṣṭafā, fedele a Zaydān, attaccò e disperse gli eserciti di al-Maʾmūn e Abū Fāris, il primo fuggì via mare verso la [[penisola iberica]] mentre Abū Fāris si rifugiò negli altopiani locali, per poi raggiungere Fes che era sotto il controllo di [[Abd Allah ibn al-Ma'mun]], figlio di [[Muhammad al-Shaykh al-Ma'mun|al-Maʾmūn]].<br />
ʿAbd Allāh fece strangolare lo zio Abū Fāris quando venne a sapere di un complotto atto a detronizzarlo.
 
* [[Sovrani del Marocco]]
* [[Storia del Marocco]]
 
{{Portale|biografie}}
 
[[Categoria:Sultani del Marocco]]
[[Categoria:Dinastia Sa'diana]]
 
 
{{Portale|biografie}}
495 113

contributi