Differenze tra le versioni di "Faro di Alessandria"

m (Fix vari)
Si riprese a costruire dei fari solo nel [[XII secolo]] (la prima [[Lanterna di Genova]] è realizzata nel [[1128]] o nel [[1139]]), ma senza riflettori basati sulla teoria delle coniche. Questi verranno recuperati solo nei primi decenni del [[XVII secolo]], in particolare da [[Bonaventura Cavalieri]], e consentiranno la costruzione dei primi fari moderni alla fine del secolo.<ref>{{Cita libro|titolo = La rivoluzione dimenticata|autore = Lucio Russo|wkautore = Lucio Russo|editore = Feltrinelli|città = Milano|anno = 2013|edizione = VII edizione|capitolo = 4.5 Ingegneria navale. Il Faro|ISBN = 9788807883231}}.</ref>
 
Ad eccezione della [[Piramide di Cheope]], il faro fu la più longeva delle sette meraviglie. Rimase in funzione per sedici secoli, fino a quando nel [[1303]] e nel [[1323]] due terremoti lo danneggiarono irreparabilmente. Nel [[1480]] il sultano d'Egitto [[QuaitbayQaytbay]] utilizzò le sue rovine per la costruzione di un forte nelle vicinanze. Numerosi blocchi ed elementi architettonici sono stati recuperati in mare, insieme alle colossali statue di Tolomeo II e della moglie Arsinoe II rappresentata come [[Iside]].
 
Dal nome dell'isola ''Pharos'' ebbe etimologicamente origine il nome "[[faro]]" in molte [[lingue romanze]]: ''faro'' in [[Lingua italiana|italiano]] e [[Lingua spagnola|spagnolo]], ''farol'' in [[Lingua portoghese|portoghese]], ''phare'' in [[Lingua francese|francese]] e ''far'' in [[Lingua romena|rumeno]].
4 843

contributi