Calendario bizantino: differenze tra le versioni

Sostituisco link esterno, proibito a p. 2 della pubblicazione online, ma a partire da essa formulo citazione bibliografica corretta e completa.
Nessun oggetto della modifica
(Sostituisco link esterno, proibito a p. 2 della pubblicazione online, ma a partire da essa formulo citazione bibliografica corretta e completa.)
[[File:Byzantinischer Mosaizist um 1000 002.jpg|thumb|Raffigurazione di [[Costantino I]] nella basilica di [[Hagia Sophia]], egli fu il creatore del calendario bizantino.]]
Il '''calendario bizantino''' fu in uso nell'[[impero bizantino]] dal [[312]]<ref>[http://www.porphyra.it/Porphyra7.pdf Rivista sui Paleologi, p. 93]</ref> per volere dell'[[imperatore romano]] [[Costantino I]] ([[306]]-[[337]]).<ref>{{cita Esso continuò a essere utilizzato anche dopo la caduta di Costantinopoli in Russia, fino al [[1699]].libro
|nome = Giovanni Battista
|cognome = de Rossi
|wkautore = Giovanni Battista de Rossi
|titolo = Inscriptiones christianae Urbis Romae septimo saeculo antiquiores
|città = Roma
|editore = ex Officina libraria Pontificia, [poi] ex Officina libraria Ph. Cuggiani
|anno = 1857
|volume = tomo I
|pagine = pp. C-CI
}}, cit. in{{cita pubblicazione
|titolo = Tre lettere greco-latine una di Costantino Paleologo ultimo imperatore bizantino e due di Demetrio Paleologo despota del Peloponneso dirette a Borso marchese d'Este signore di Ferrara
|nome = Celestino
|cognome = Cavedoni
|wkautore = Celestino Cavedoni
|pubblicazione = Atti e memorie / Deputazione di Storia Patria per le antiche province modenesi
|anno = 1865
|volume = 3
|pagina = 288
}} L'articolo di Cavedoni e la citazione sono trascritti anche nel numero monografico{{cita pubblicazione
|titolo = L'ultima dinastia di Bisanzio: i Paleologi. 1259-1453
|pubblicazione = Porphyra. International Academic Journal in Byzantine Studies
|mese = aprile
|anno = 2006
|volume = 3
|numero = 7
|pagina = 93
}} [http://www.porphyra.it/numero-7-i-paleologi-ultima-dinastia-di-bisanzio-1259-1453/ Scaricabile online]</ref>. Esso continuò a essere utilizzato anche dopo la caduta di Costantinopoli in Russia, fino al [[1699]].
 
== Struttura ==