Differenze tra le versioni di "Indagini preliminari"

→‎Caratteristiche: Aggiunti tre link interni
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Caratteristiche: Aggiunti tre link interni)
 
== Caratteristiche ==
Durante il loro svolgimento il [[pubblico ministero (ordinamento italiano)|pubblico ministero]] e la [[polizia giudiziaria (diritto italiano)|polizia giudiziaria ]] svolgono le indagini necessarie per le determinazioni inerenti all'esercizio dell'[[azione penale]]: ne consegue che il [[Pubblico ministero (ordinamento italiano)|p.m.]] e la polizia giudiziaria devono acquisire anche gli elementi a favore dell'indagato (art. 358) dato che le indagini preliminari servono esclusivamente a stabilire se ci sono i presupposti per l'esercizio dell'azione penale.
 
=== Il valore probatorio ===
 
Il pubblico ministero può procedere al compimento di accertamenti tecnici irripetibili secondo la disciplina posta dall'art. 360 [[codice di procedura penale|c.p.p]]. In quanto parte del processo, può nominare un numero di consulenti tecnici non superiore al numero dei periti, ove sia in corso una perizia, oppure, qualora nessuna perizia sia in corso, un numero di consulenti tecnici non superiore a due.
I difensori e gli eventuali consulenti tecnici hanno diritto ad assistere al conferimento dell'incarico al perito nominato dal giudice e partecipare alle operazioni formulando osservazioni e pareri cui deve esser fatta menzione nel verbale. La difesa dell'indagato può chiedere - prima del conferimento dell'incarico - che si proceda attraverso l'[[incidente probatorio]]. In questo caso il PM potrà procedere negli accertamenti tecnici solo se un loro rinvio comporti che questi non possano essere più utilmente compiuti. Se questa condizione non è rispettata e il [[Pubblico ministero (ordinamento italiano)|PM]] procede comunque al compimento degli accertamenti, questi sono inutilizzabili.
 
=== Durata e proroga ===
 
==Durata==
Secondo l'art. 405 {{cpp}} la durata delle indagini preliminari è di sei mesi dall'iscrizione del nome della persona alla quale il reato è attribuito nel registro della [[notizia di reato]], salvo che non si proceda per uno dei delitti indicati nell'art. 407, comma 2 lettera a), per cui la durata è di un anno.