Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
Rossella arriva a [[Savannah (Georgia)|Savannah]] e viene ricevuta freddamente dal nonno materno, che non ha mai digerito il matrimonio della figlia prediletta Ellen con un uomo rozzo come Geraldo O'Hara. Nei giorni seguenti, Rossella cerca e rintraccia i fratelli di suo padre e stringe con loro un buon rapporto. Ma durante la festa organizzata per celebrare l'evento, Rossella perde i sensi per via della [[gravidanza]].
 
Rhett approfitta delle voci che circolano sulla relazione tra Rossella e Ashley per chiedere un divorzio giudiziale. Rossella, nel frattempo, cerca di ricomprare la parte di Tara che la sorella Carreen ha ceduto al [[convento]] quando vi è entrata come novizia, e deve convivere con il nonno che la sopporta a fatica. Rossella rifiuta la proposta del nonno che la vorrebbe nominare [[erede]] in cambio della sua obbedienza e assistenza, e subito dopo riceve la lettera di Rhett che le chiede formalmente il divorzio. A questo punto Rossella si convince che il modo migliore per riconquistare Rhett è fargli sentire la sua mancanza e per questo sceglie di andare in [[Irlanda]], terra di origine degli O'Hara. In America, intanto, Rhett Butler corteggia con successo Anne Hampton, responsabile dello scoppio dello [[scandalo]] che ha costretto Rossella a fuggire in [[Europa]].
In America, intanto, Rhett Butler corteggia con successo Anne Hampton, responsabile dello scoppio dello [[scandalo]] che ha costretto Rossella a fuggire in [[Europa]].
 
Arrivata in Irlanda, Rossella trova una realtà diversa da quella che immaginava: assiste impotente alla scena di una donna che viene sfrattata perché non poteva pagare l'affitto ad un possidente inglese. Accolta in modo caloroso dai parenti, Rossella convince il cugino Colum, un [[sacerdote]], di non rivelare il suo stato di divorziata in attesa di un bambino, convincendolo a coprire la sua menzogna e a fingersi [[vedova]]. Rossella visita la proprietà semidiroccata della sua famiglia e qui conosce Lord Richard Fenton, nobiluomo inglese e proprietario della proprietà di famiglia degli O'Hara.
 
=== Cast ===
Per l'ambitissimo ruolo di [[Rossella O'Hara]], al tempo di [[Vivien Leigh]], vennero fatti provini in tutto il mondo. Dopo mesi di ricerche venne scelta tra migliaia di candidate, tra cui anche l'Italiana [[Yvonne Sciò]],<ref>{{cita web|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1992/09/12/yes-rossella-sono-proprio-io.html|titolo=Yes, Rossella sono proprio io|autore=|anno=9 dicembre 1992|editore=La Repubblica|accesso=16 dicembre 2013}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/1992/09/08/Altro/VIA-COL-VENTO-CANALE-5-SCEGLIE-LA-SCARLETT-ITALIANA_140100.php|titolo=Via col Vento: Canale 5 sceglie la "Scarlett" italiana|autore=|anno=8 settembre 1992|editore=Adnkronos|accesso=16 dicembre 2013}}</ref> l'attrice britannica [[Joanne Whalley|Joanne Whalley-Kilmer]], moglie di [[Val Kilmer]] e conosciuta per film come ''[[Willow (film)|Willow]]'' e ''[[Scandal - Il caso Profumo]]''.<ref name=B>{{cita web|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/gennaio/08/stavolta_Rossella_innamora_Bond_co_0_9401082561.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/1994/gennaio/08/stavolta_Rossella_innamora_Bond_co_0_9401082561.shtml|dataarchivio=pre 1/1/2016|titolo=Stavolta Rossella s' innamora di Bond|autore=|anno=8 gennaio 1994|editore=Il Corriere della Sera|accesso=16 dicembre 2013}}</ref> L'attrice, una volta confermata la sua partecipazione, ha dichiarato che:
L'attrice, una volta confermata la sua partecipazione, ha dichiarato che:
 
"''Lì per lì ho pensato che volessero fare un remake di 'Via col vento' e mi sembrò una follia. Poi mi spiegarono che si trattava invece di una storia nuova, ambientata in posti nuovi, non una copia nella quale il fantasma di Vivien Leigh mi avrebbe dato la caccia! Avevo visto 'Via col vento' varie volte in passato, ma mi rifiutai di rivederlo prima delle riprese, per evitare di farmi influenzare, e per sentirmi libera di pensare più a quello che i personaggi stavano facendo, e meno a quello che avevano fatto''".<ref name=I>{{cita web|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/11/13/bentornata-rossella-da-mito-eroina-tv.html|titolo=Bentornata Rossella - Da mito a eroina TV|autore=|anno=13 novembre 1994|editore=La Repubblica|accesso=16 dicembre 2013}}</ref>
 
== Distribuzione ==
[[File:Juilliard_School_-_Alice_Tully_Hall.jpg|thumb|left|L'''Alice Tully Hall'' a Lincoln Center, New York, sede della presentazione mondiale della miniserie nel 1994.]]
La miniserie è stata presentata in anteprima mondiale a [[New York]], all'Alice Tully Hall del [[Lincoln Center]], il 3 novembre 1994.<ref name=N>{{cita web|url=http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,20/articleid,0761_01_1994_0302_0020_10785321/|titolo=Volevamo far rivivere Rossella e Rhett per la TV|autore=|anno=5 novembre 1994|editore=La Stampa|accesso=16 dicembre 2013}}</ref> Al [[gala]] organizzato per la presentazione, pochi degli ospiti invitati, tra cui [[Paul Newman]], [[Jane Fonda]] e [[Kevin Costner]], si presentarono, e quelli intervenuti trovarono la prima puntata della miniserie deludente e decisamente lontana dalle indimenticabili performance di [[Vivien Leigh]] e [[Clark Gable]].<ref name=C>{{cita web|url=http://www.ew.com/ew/article/0,,304455,00.html|titolo=TV Miniseries Review: 'Scarlett'|autore=|anno=11 novembre 1994|editore=Entertainment Weekly|lingua=en|accesso=16 dicembre 2013}}</ref><ref>{{cita web|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/05/Usa_tira_cattivo_vento_sulla_co_0_9411058126.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/05/Usa_tira_cattivo_vento_sulla_co_0_9411058126.shtml|dataarchivio=pre 1/1/2016|titolo=In Usa tira cattivo vento sulla Rossella televisiva|autore=|anno=5 novembre 1994|editore=Il Corriere della Sera|accesso=16 dicembre 2013}}</ref> Persino alcuni rappresentanti della [[CBS]], la rete destinata a trasmettere la miniserie, si mostrarono perplessi e poco soddisfatti del risultato finale.<ref name=C/>
 
{{Portale|televisione}}
 
[[Categoria:Miniserie televisive basate su opere letterarie]]
[[Categoria:Miniserie televisive drammatiche]]
[[Categoria:Miniserie televisive romantiche]]
[[Categoria:Miniserie televisive basate su opere letterarie]]
[[Categoria:Via col vento]]
Utente anonimo