Differenze tra le versioni di "Sir Ector"

m
Bot: Wikipedia:Specificità dei wikilink e modifiche minori
m (→‎top: smistamento lavoro sporco e fix vari)
m (Bot: Wikipedia:Specificità dei wikilink e modifiche minori)
Compare in svariate fonti, dalle opere del poeta francese [[Robert de Boron]] (fine XII - inizio XIII sec.), al ciclo del ''[[Lancillotto in prosa]]'' e anche in ''[[Le Morte d'Arthur]]'' di [[Thomas Malory]] (XV sec.). Nei primi racconti [[galles]]i viene chiamato '''Cynyr''' e suo figlio Cei. Di solito ser Ector viene descritto come un anziano e ricco cavaliere che, oltre ad una grande residenza di campagna, ha possedimenti a [[Londra]]. Altre volte è addirittura un re [[britanni]]co minore.
 
[[Re Artù|Artù Pendragon]] nacque come figlio illegittimo di [[Uther Pendragon]], re di [[Britannia]], e di [[Igraine]], moglie del [[Gorlois|duca Gorlois]] di [[Cornovaglia]]. Il mago [[Magomago Merlino|Merlino]], che aveva aiutato Uther ad avere la notte d'amore con Igraine e concepire Artù, portò via il bambino alla nascita e lo affidò a ser Ector, il quale lo crebbe come fratello di latte del figlio suo, [[Sir Kay|Kay]]. Cresciuto, Kay divenne [[Cavalleria medievale|cavaliere]] e si recò col padre e il fratello a Londra per partecipare ad un [[Torneo medievale|torneo]], ma lì il giovane Artù estrasse la famosa [[Excalibur|spada dalla roccia]] e fu riconosciuto come figlio del defunto re Uther e suo legittimo erede. Riconoscente a Ector e Kay, Artù li nominò entrambi [[cavalieri della Tavola Rotonda]] e di Kay fece inoltre il proprio [[siniscalco]].
 
Ser Ector compare nel romanzo ''[[Re in eterno]]'' di [[Terence Hanbury White|T.H. White]], che colloca il suo castello nella immaginaria ''Forest Sauvage'' ("Foresta Selvaggia"), e autori successivi faranno similmente. Nel romanzo non ha un ruolo fondamentale, contrariamente al [[Lungometraggi Disney|film Disney]] [[La spada nella roccia (film)|''La spada nella roccia'']] da esso ispirato; qui Ector (che nella versione italiana è chiamato ser Ettore) è un cavaliere corpulento, rude e incline all'ira, ma che, nonostante la severità mostrata, fondamentalmente vuol bene al figlio adottivo Wart (Semola nella versione italiana), come viene soprannominato il giovane Artù.
2 932 277

contributi