Motu proprio: differenze tra le versioni

m
standardizzo, correggo ed inserisco wikilink
m (standardizzo, correggo ed inserisco wikilink)
Per antonomasia si intende un documento (decisione) del [[papa]] che non è stato proposto da alcun organismo della [[Curia Romana]].
 
Secondo il [[Codice di diritto canonico]] infatti, il pontefice è dotato di tutti i poteri per esercitare [[sovranità]] immediata su tutta la Chiesa universale, su ciascuna [[chiesa particolare]] (ad esempio le [[diocesi]]) e in materia di [[dottrina cristiana|dottrina]]. In base alle decisioni del [[Concilio Vaticano I]], inoltre, il magistero del papa gode dell'[[infallibilità papale|infallibilità]] in materia di [[fede]] e di [[morale]] quando viene espresso ''[[ex cathedra]]'', cioè quando definisce il dogma di fede o un articolo di morale, oppure quando procede a una canonizzazione<ref>[http://www.treccani.it/enciclopedia/{{Treccani|ex-cathedra/|ex Da Treccani on line]cathedra}}</ref>.
 
==Storia==
{{s sezione|cattolicesimo}}
Ai tempi dello [[Stato pontificio]] lo strumento del ''motu proprio'' era spesso usato per regolare materie di carattere economico<ref>Vedi [[s:Il moto proprio pontificio che soppresse l'Annona romana|il moto proprio pontificio che soppresse l'Annona romana]]</ref>.
Anche alcuni monarchi facevano uso del ''Motumotu proprio''. Ad esempio il Granducagranduca di Toscana, [[Leopoldo II d'Asburgo-Lorena|Pietro Leopoldo I]], con ''Motumotu Proprioproprio'' del 21 marzo 1785, trasformò alcuni monasteri in '''CONSERVATORI'''conservatori, ovvero educandati femminili.
 
==Note==