Differenze tra le versioni di "Ariano Irpino"

→‎Origini e periodo romano: aggiunta osservazione
(→‎Origini e periodo romano: chiarito termini)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Origini e periodo romano: aggiunta osservazione)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Le prime tracce di insediamenti umani nella zona sono stati rinvenuti a seguito di scavi archeologici nell'area Nord del territorio cittadino, in località Starza<ref>{{cita conferenza |autore= C. Albore Livadie |titolo= Considerazione sui nuovi scavi a La Starza (Ariano Irpino) e sulle comunità pastorali appenniniche | conferenza= Civiltà della Transumanza |mese= novembre|anno= 1988 |città= Santa Croce del Sannio |pagine= 32-45 }}</ref>. I reperti, provenienti da un villaggio di capanne preistorico risalente al [[Neolitico]] inferiore, sono datati a partire dal [[VII millennio a.C.]] fino al [[900 a.C.]], quando il sito viene presumibilmente abbandonato.
 
Alle prime popolazioni dell'Appennino seguirono gli [[Irpini]], una bellicosa tribù dei [[Sanniti]] della quale però rimangono (non solo ad Ariano ma in tutta l'[[Irpinia]]) solo scarsissime tracce, probabilmente perché le semplici fortezze militari che essi costruirono nei punti strategici vennero poi, in epoca [[alto medioevo|alto-medioevale]], sistematicamente convertite e inglobate in ben più imponenti strutture fortificate (torri, rocche, castelli). In effetti l'unica fortezza sannitica conservatasi integralmenteintatta (quella di [[Pallanum]] nel [[Carricini|Sannio Caraceno]]) è localizzata sulla vetta di un monte a oltre 1000 metri di altitudine. Ad oggi dunque la presenza di un'eventuale piazzaforte sannitica in cima al "Tricolle" di Ariano rimane un'ipotesi non suffragata da prove.
 
 
All'epoca romana risale invece il centro di ''[[Aequum Tuticum]]'', sorto su di un vasto altipiano a non grande distanza dall'antico insediamento della Starza e quasi al confine con il comune di [[Castelfranco in Miscano]] (in località Sant`Eleuterio). Eretto dai [[roma antica|Romani]] a municipio, Aequum Tuticum si trovava in una posizione strategica rispetto alle vie di comunicazione dell'antichità in uno snodo tra [[Sannio]], [[Campania]], [[Puglia|Apulia]] e [[Lucania]], al centro dei traffici tra [[Mar Tirreno|Tirreno]] ed [[Mare Adriatico|Adriatico]].
Utente anonimo