Agama Nikaya: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{Avvisounicode}}
{{Buddhismo dei Nikaya}}
Per '''Āgama-Nikāya''' la storiografia contemporanea<ref>Vedi anche: Jens-Uwe Hartmann. ''Āgama/Nikāya'' in: ''Encyclopedia of Buddhism''. New York, McMillan, 2004, pag. 10-2.</ref> intende la raccolta degli insegnamenti più antichi, e probabilmente attribuibili almeno in parte al [[Buddha Śākyamuni]], riportati nel ''[[Sutta Pitaka]]'' del [[Canone pāli]], dove rappresentano le cinque raccolte dei ''nikāya'', e nel ''[[Āhánbù]]'' del [[Canone cinese]], dove rappresentano le quattro raccolte degli ''[[āgama]]'' (cin. ''āhán'').
 
Il [[Canone pāli]] raccoglie le scritture canoniche afferenti alla tradizione [[Theravāda]], nella cui redazione ebbe un ruolo incisivo il monastero di [[Mahāvihāra]] ([[Anuradhapura]], [[Sri Lanka]]), che corrispondono verosimilmente alle scritture dell'antica scuola indiana degli [[Sthaviravāda|sthaviravadin]]-[[Vibhajyavada|vibhajyavadin]]. Queste raccolte (dette in [[lingua pāli]] e in [[Lingua sanscrita|sanscrito]] ''nikāya'') sono così suddivise:
* ''[[Kuddaka Nikāya]]'', 15 raccolte di ''discorsi'' (18 raccolte nel canone birmano).
 
Nel [[Canone cinese]] gli ''âgama[[āgama]]'' (letteralmente, "ciò che è stato trasmesso") sono raccolti nella prima sezione, 阿含部 (''[[Āhánbù]]'' ) [vol. 01-02] 460 rotoli, sezione dal n. 1 al n. 151 e sono così suddivisi:
* ''[[Dīrghāgama]]'' (長阿含經, [[pinyin]]: ''Cháng āhán jīng'', giapp. ''Jō agonkyō''), 30 ''sutra'', proveniente dalla scuola [[Dharmaguptaka]], tradotto da [[Buddhayaśas]] e [[Zhu Fonian]] nel 412-13, corrisponde al ''[[Digha Nikaya|Dīgha Nīkaya]]'' del [[Canone pāli]].
* ''[[Mādhyamāgama]]'' (中阿含經 [[pinyin]]: ''Zhōng āhán jīng'' giapp. ''Chū agonkyō''), 222 ''sutra'', proveniente dalla scuola [[Sarvastivada]], tradotto da Gautama [[Saṃghadeva]] nel 397, corrisponde al ''[[Majjhima Nikaya|Majjhima Nikāya]]'' del [[Canone pāli]].