Aristia: differenze tra le versioni

1 byte aggiunto ,  4 anni fa
m
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Esemplare è il caso del libro V: [[Diomede]], un capo acheo di poca rilevanza negli altri libri, nel quinto è invece l'assoluto protagonista. Altri esempi sono l'aristía di [[Ettore]] nel libro VIII, quella di [[Agamennone]] nel libro IX, quella di [[Patroclo]] nel libro XVI, e quella di [[Achille]] nel libro XXI.
Anche il libro XXII dell'''[[Odissea]]'', con l'uccisione dei [[proci]] da parte di [[Ulisse]], è considerato un esempio di aristía.
Nell'abitoambito della letteratura latina, si hanno vari esempi nell'''[[Eneide]]'': l'impresa dei troiani [[Eurialo e Niso]] nel libro IX, e quella dell'etrusco [[Mezenzio]] nel libro X. Particolare esempio di aristía 'negativa' è invece quella del centurione cesariano Sceva, narrata da [[Marco Anneo Lucano|Lucano]] nel libro VI della ''[[Pharsalia|Farsaglia]]'' (vv. 138-262).
 
== Schema ==
8 016

contributi