Differenze tra le versioni di "Guam"

13 byte aggiunti ,  2 anni fa
→‎Infrastrutture e trasporti: Riformulato una parte del testo
(→‎Infrastrutture e trasporti: Riformulato una parte del testo)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Guam è servita dall'[[Antonio B. Won Pat International Airport]].
 
Gli statunitensi hanno nellSull'isola unasono basepresenti militarevarie basi militari di importanza strategica,. che nellNell'estate [[2017]] vieneil minacciata[[dittatore]] a parole dalla[[nordcoreano]] [[Corea delKim NordJong-un]] ha minacciata a parole di essereattaccare l'isola attaccatacon da missili nucleari.<ref>[https://www.theguardian.com/world/2017/aug/09/guam-where-why-north-korea-threatening-it Corea del Nord minaccia Guam, The Guardian, 9 agosto 2017]</ref>
 
TaleLe basebasi ospitaospitano, non di frequente, bombardieri strategici quali [[Boeing B-52 Stratofortress|B-52]] e [[Rockwell B-1 Lancer|B-1]] e molti aerei militari provenienti dalle portaerei che spesso stazionano nell'area. Si segnala in particolare la presenza, nella base navale [[Apra Harbor|Apra]], di tre sottomarini della classe Los Angeles: il City Of Corpus Christi, lo Houston e il Buffalo. Terminati i lavori di ristrutturazione della base Andersen, è atteso il posizionamento permanente di droni [[Northrop Grumman RQ-4 Global Hawk|Global Hawk]], di [[Boeing KC-135 Stratotanker|KC-135]] e aerei da caccia. Alla luce della nuova dottrina Usa, espressa nel documento ''Sustaining U.S. Global Leadership: Priorities for 21st century defense'',<ref>[http://www.defense.gov/news/Defense_Strategic_Guidance.pdf Il documento sul sito del Dipartimento della Difesa statunitense], (Indirizzo consultato il 21 agosto 2012.)</ref> la base di Guam è destinata ad avere un ruolo crescente, come già affermato nel 2003 dall'Ammiraglio T.B. Fargo, allora alla testa dello U.S.Pacific Command. Guam permette di collegare l'asse Giappone-Taiwan-Filippine per via aerea in tre ore e in due o tre giorni via mare.<ref>"Le repositionnement géostratégique américain en Asie-Pacifique" di Tanguy Struye de Swielande, in "Diplomatie nº 55 - marzo-aprile 2012"</ref>
 
== Note ==
733

contributi