Apri il menu principale

Modifiche

m
no grassetto all'interno della voce
== Le origini ==
 
Diverse sono le ipotesi sull'origine antica della casata. C'è chi afferma che il capostipite sia [[Grimoaldo II]]<ref name = Palizzolo /><ref>{{cita libro|cognome= Rossi|nome= Girolamo|titolo= Il principato di Monaco: studi storici pagina 10|editore= P.Amarante, 1864|url= http://books.google.it/books?id=FgkOAAAAYAAJ&pg=PA10&dq=grimaldi+grimoaldo+pipino&hl=it&ei=WYrXTdmZK8zSsgbIk4TuAg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=4&ved=0CDkQ6AEwAw#v=onepage&q=grimaldi%20grimoaldo%20pipino&f=false|citazione= Egli disse i Grimaldi discendenti di Grimoaldo figlio di Pipino di Herstal}}</ref>, altri come [[Francesco Maria Emanuele Gaetani marchese di Villabianca]] affermano addirittura che l'origine sia più antica<ref>{{cita libro|cognome= Borrella|nome= Andrea|titolo= Annuario della nobiltà italiana 2000 volume I pagina 1081|citazione= Il Villabianca scrive quanto segue sulla famiglia: "Ella ebbe origine nella Francia circa l'anno 420 di nostra salute da un cavaliere franzese, che chiamato Grimaldo...}}</ref>. Tuttavia, il primo di cui si hanno notizie storiche certe, ed è quindi considerato come capostipite, fu il console [[Ottone Canella]]<ref>{{cita web|http://www.treccani.it/enciclopedia/grimaldi/|Treccani|21 maggio 2011}}</ref>, padre di '''[[Grimaldo Canella]]''', un uomo di Stato genovese vissuto all'epoca delle prime [[Crociate]]. Fu console della [[Comune medievale|Comune]] di Genova negli anni 1162, 1170, e 1184. Ottone risulta fra i testi di un atto sottoscritto dai componenti del casato nel quale si riscontra il "nomen gentis" Grimaldo (nome ricorrente a cominciare dal figlio) e ad ogni modo apparteneva alla nobiltà feudale che, nel corso del secolo XI, iniziò ad abitare nelle mura della città entrando a far parte della nobiltà "consolare".
 
== L'antica casata genovese ==
63 983

contributi