Differenze tra le versioni di "Wallada bint al-Mustakfi"

Annullata la modifica 91137487 di 151.73.55.32 (discussione)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(Annullata la modifica 91137487 di 151.73.55.32 (discussione))
Wallāda non sembra aver subito alcuna persecuzione dopo la caduta degli Omayyadi di Cordova. Mantenne il suo status di principessa come prima e continuò a tenere incontri nei suoi salotti letterari (''Majālis al-adab''), dove si incontravano poeti, filosofi e intellettuali. Si occupava anche dell'educazione delle ragazze nobili.
 
Wallāda rappresentava l'ideale di bellezza del tempo: era morabionda, ,aveva deila lunghipelle capelli mossichiara e gli occhi molto scuri azzurri,<ref>Fatto non inconsueto in al-Andalus, dove i Califfi contraevano spesso nozze con donne iberiche, oltre che con arabe e berbere.</ref> oltre a essere intelligente, colta e orgogliosa. Camminava in pubblico senza velo, indossava tuniche semi-trasparenti con sopra ricamati i versi delle sue poesie. Il suo comportamento fu considerato dalle autorità religiose locali come perverso e venne criticato molto duramente, ma ebbe anche numerose persone che presero le sue difese, come il teologo [[Ibn Hazm|Ibn Ḥazm]], il celebre autore de ''[[Il collare della colomba]]''. Una consuetudine cordovana del tempo era la competizione tra i poeti. Wallāda ottenne il riconoscimento per la sua bravura, nonostante fosse una donna, in quella che era una competizione quasi interamente maschile.
 
=== Rapporti con Ibn Zaydūn ===
4 843

contributi