Apri il menu principale

Modifiche

m
Annullate le modifiche di 212.171.31.37 (discussione), riportata alla versione precedente di Vituzzu
[[File:Chapelle Palatine.jpg|thumb|La [[Cappella Palatina (Palermo)|Cappella Palatina]], a Palermo, la più bella delle chiese fatte costruire da [[Ruggero II di Sicilia]], con porte normanne, archi arabi, cupola bizantina, e il tetto ornato con scritte arabe]]
 
L''''architettura arabo-normanna''' è lo stile del [[architettura|costruire]] proprio dell'[[Normanni|epoca normanna]], che si diffuse principalmente in [[Sicilia]] e nell'[[Italia meridionale]] nel [[XII secolo]]. SiL'aggettivo tratta"''arabo''" dideriva unodalla stileforte prettamenteinfluenza [[romanico]]degli legatoarchitetti alarabi, luogomentre diquello provenienza"''normanno''" deidalla normannicultura definitoe instirpe manierareale precisadominante. comeL'apice dello stile Siculo-Normanno,si cosìconosce comespecialmente accadead inun Gransecolo Bretagnaquasi condalla loconquista stiledella Anglo-Normanno.Sicilia L'aggettivoda "''arabo''"parte derivadei daNormanni, alcuneavvenuta influenzenel islamiche1071, mentrequando quelloi "''normanno''"nuovi dallareali culturacercarono edi stirpecreare un realeproprio stile architettonico che dominanteracchiudesse le varie culture presenti sull'isola. Il nuovo stile racchiudeva principalmentetre diversi stili; lo stile [[Architettura romanica|stile romanico]] [[architettura normanna|normanno]] e, lo [[Architettura bizantina|stile bizantino]] e a volte quello islamicoarabo. Le influenze islamiche si possono riscontrare sopratutto in alcune costruzioni civili che a differenza delle chiese non ponevano problemi di natura religiosa
 
L'''architettura arabo-normanna'' è una definizione impropria, poiché gli [[arabi]], nomadi per origine e vocazione, non furono mai portatori di una propria architettura, ma assimilarono la cultura mediorientale e neoellenica dei paesi islamizzati durante la loro avanzata, elaborando varie sintesi architettoniche, legate ai diversi imperi: [[Fatimidi]], [[Ziridi]], [[Aghlabidi]], [[Abbasidi]], [[Almoravidi]] ecc. che culminarono con originali tipologie in [[Persia]], [[Siria]], [[Mesopotamia]], [[Egitto]], [[Maghreb]] e [[penisola iberica]]. Durante il [[Storia della Sicilia normanna|dominio normanno]], in [[Sicilia]] e nell'[[Italia meridionale]] nei secoli XI e XII queste tipologie furono sincretizzate con l'arte dei cristiani ortodossi, [[bizantini]], greci e antiocheni, e della parte dominate dei cristiani latini: [[Normanni]], [[Franchi]] e [[Britannici]], [[Provenzali]], [[Lombardi]], romani, campani e pugliesi, depositari della cultura romanica nord-europea, campano-cassinese e pugliese bizantina e romanica normanna dando luogo ad una fioritura di edifici, capolavori della scuola architettonica siculo-normanna.
 
== Storia ==
* {{Cita libro |autore = AA.VV. |titolo = Federico e la Sicilia - architettura e archeologia |città = Siracusa |editore = Arnaldo Lombardi Editore |anno = 2000 |isbn = 88-7260-065-0}}
* {{Cita libro |lingua = francese it |autore = Vittorio Noto |titolo = Architetture medievali normanne e siculo normanne |città = Palermo |editore = Pietro Vittorietti Edizioni |anno = 2012 |isbn = 978-88-7231-152-3}}
*AA.VV., ''L'arte siculo-normanna. La cultura islamica nella Sicilia medievale'', Kalòs, Palermo, 2007
* [[Gioacchino di Marzo]], "''Delle belle arti in Sicilia dai Normanni alla fine del sec. XVI''", Palermo, 1858 - 1862.
*Vittorio Noto, ''Palazzi e giardini dei Re normanni di Sicilia, Kalós, Palermo 2017, ISBN 8898777442 - EAN: 9788898777440''