Differenze tra le versioni di "Questione di fiducia"

nessun oggetto della modifica
 
In [[Italia]] la '''questione di fiducia''' è un istituto della forma di governo [[Parlamento|parlamentare]] riservato al [[Governo]], non previsto in [[Costituzione]], ma disciplinato dai [[Regolamenti parlamentari|regolamenti interni]] della [[Camera dei deputati|Camera]]<ref name="camera">[http://nuovo.camera.it/438?shadow_regolamento_capi=1069&shadow_regolamento_articoli_titolo=Articolo%20116 art. 116 del regolamento della camera]</ref> e, in modo più succinto, del [[Senato della Repubblica|Senato]]<ref name="senato">[http://www.senato.it/1044?articolo=1165&sezione=159 art. 161 regolamento del Senato]</ref> nonché dalla legge n. 400/1988.
 
Benché il regolamento della Camera sia molto restrittivo nell'elencare i casi in cui il Governo non può porre la questione di fiducia<ref> Lo esclude solo per ciò che attiene al regolamento interno delle Camere, modifiche del Regolamento, sanzioni disciplinari e gli argomenti per i quali il Regolamento preveda votazione per alzata di mano o per scrutinio segreto, inchieste parlamentari, autorizzazioni a procedere e verifica delle elezioni</ref>, la dottrina vi aggiunge senz'altro almeno un altro caso, quello della revisione costituzionale<ref>Giampiero Buonomo, [https://www.academia.edu/10805807/Revisione_costituzionale_e_rapporto_di_fiducia Le due maggioranze], in Mondoperaio, 6/2014.</ref>.
 
==''Ratio'' dell'istituto ==
L'istituto si ricollega al rapporto fiduciario<ref>Rivosecchi, G. (2008). Regolamenti parlamentari del 1971, Indirizzo Politico e Questione di Fiducia: un'Opinione Dissenziente [article]. Giornale Di Storia Costituzionale, 143.</ref> che lega il mandante (Parlamento) al mandatario (Governo) nel momento iniziale della presentazione di questo alle Camere, mediante l'approvazione della mozione di fiducia che lo immette nei pieni poteri di direzione dell'Esecutivo<ref>Mohrhoff, Federico. 1953. Rapporti fra parlamento e governo nella Costituzione italiana (scioglimento delle camere, questione di fiducia). n.p.: Milano, Giuffrè, 1953, I Quaderni della Costituzione. </ref>. Ci sono altri due casi in cui il governo può sollecitare dalla maggioranza l'approvazione di una mozione di fiducia:
successivamente al "rimpasto" cioè una modifica nella composizione del gabinetto e successivamente alla modifica del programma di governo.
== Limiti ==
 
Benché il regolamento della Camera sia molto restrittivo nell'elencare i casi in cui il Governo non può porre la questione di fiducia<ref> Lo esclude solo per ciò che attiene al regolamento interno delle Camere, modifiche del Regolamento, sanzioni disciplinari e gli argomenti per i quali il Regolamento preveda votazione per alzata di mano o per scrutinio segreto, inchieste parlamentari, autorizzazioni a procedere e verifica delle elezioni</ref>, la dottrina vi aggiunge senz'altro almeno<ref>Per l'esclusione anche delle leggi elettorali dalla possibilità di fiducia, per violazione dell’art. 72 c. 1 e 4 Cost. e del Regolamento parlamentare della Camera, v. il [https://www.felicebesostri.it/ricorso-anti-italikum/ ricorso] dell'avvocato [[Felice Besostri|Besostri]] contro la [[Italicum|legge elettorale italiana del 2015]].</ref> un altro caso, quello della revisione costituzionale<ref>Giampiero Buonomo, [https://www.academia.edu/10805807/Revisione_costituzionale_e_rapporto_di_fiducia Le due maggioranze], in [[Mondoperaio]], 6/2014.</ref>.
== Regolamento della Camera dei deputati - Articolo 116 ==
== Riferimenti normativi ==
* [[s:Italia, Repubblica - Costituzione|Costituzione della Repubblica Italiana]]
=== Regolamento della Camera dei deputati - Articolo 116 ===
Divieto di porre la questione di fiducia su:
# regolamenti interni della camera
# sull'affidamento di disegni di legge in commissione.<ref name="camera"/>
 
=== Regolamento del Senato della Repubblica - Articolo 161 ===
La questione di fiducia gode di tre elementi caratteristici definiti dalla giunta per i regolamenti nel 1988:
# gli articoli su cui è posta la fiducia godono della priorità di votazione; l'approvazione della fiducia comporta automaticamente la reiezione di tutti gli stralci ed emendamenti collegati all'articolo;
# la questione di fiducia è la cornice all'interno della quale si apre la discussione in merito all'argomento su cui è stata posta;
# il contingentamento dei tempi è affidato alla regolamentazione ordinaria del Senato.<ref name="senato"/>
 
== Riferimenti normativi ==
* [[s:Italia, Repubblica - Costituzione|Costituzione della Repubblica Italiana]]
 
==Note==