Differenze tra le versioni di "Volata (ciclismo)"

nessun oggetto della modifica
{{F|ciclismo|ottobre 2009}}
[[File:La volata a tre 1981.jpg|thumb|unaa volata a tre]]
La '''volata''' o '''sprint''' (anche '''arrivo in volata''') indica, nel [[Ciclismo (sport)|ciclismo]], la fase terminale di una gara (normalmente in linea) la cui vittoria finale sia contesa dal gruppo di corridori giunti fino a quel punto.
Nel gergo delle [[Ciclismo (sport)|competizioni ciclistiche]], il termine '''volata''' (detta anche '''sprint''') indica l'arrivo alla massima [[velocità]] possibile dei corridori alla fine di una corsa ciclistica con distacchi minimi. Di solito, però, si usa il termine '''volata''' per gli arrivi in pianura o falso piano. I corridori predisposti alle volate vengono chiamati [[Velocista (ciclismo)|velocisti]].
Si differenzia dall'arrivo in solitaria o per distacco, in cui il corridore vincitore giunge con apprezzabile vantaggio rispetto agli immediati inseguitori.
Gli ultimi metri della volata sono in genere la specialità dei [[Velocista (ciclismo)|velocisti]], ovvero corridori capaci di esprimere una notevole accelerazione e velocità di punta nell'arco di pochi secondi.
 
== Descrizione ==