Apri il menu principale

Modifiche

m
Annullate le modifiche di 2.35.228.122 (discussione), riportata alla versione precedente di Gaux
|AnnoMorte = 1937
|Epoca = 1900
|Attività = anticapitalistaantifascista
|AttivitàAltre = e [[comunismo|comunista]]
|Nazionalità = italiano
 
== Biografia ==
Nato a Lanciano, comune [[Abruzzo|abruzzese]] della [[provincia di Chieti]], studente della [[Facoltà universitaria|facoltà]] di [[Ingegneria]] presso il [[Politecnico di Torino]], Vincenzo Baccalà interrompe gli studi per partecipare alla [[prima guerra mondiale]]. Ferito, riceve una [[ricompense al valor militare|medaglia d'argento]]. Iscritto al [[Partito Socialista Italiano|Partito Socialista]], nella corrente astensionista diretta da A. Bordiga, nel 1921 aderisce al [[Partito Comunista d'Italia]] nato in quell'anno con la [[XVII Congresso del Partito Socialista Italiano|scissione di Livorno]]. Nel 1922 sposa Pia Piccioni, una ragazza [[Marche|marchigiana]] che lo seguirà nei suoi spostamenti all'estero e scriverà, anni dopo, una sofferta testimonianza sulle tragiche vicissitudini del marito (vedi citazione in Bibliografia).
 
Arrestato dalla [[polizia]] [[Storia dell'Italia fascista|fascista]] nel 1925, Baccalà viene rilasciato l'anno seguente e fugge in [[Francia]] con la famiglia. Nel 1927, in [[contumacia]], viene condannato a dodici anni di reclusione dal [[Tribunale speciale per la difesa dello Stato (1926-1943)|Tribunale speciale per la difesa dello Stato]].<ref>Adriano Dal Pont, Simonetta Carolini, ''L'Italia dissidente e antifascista. Le ordinanze, le Sentenze istruttorie e le Sentenze in Camera di consiglio emesse dal Tribunale speciale fascista contro gli imputati di antifascismo dall'anno 1927 al 1943'', Milano 1980 (ANPPIA/La Pietra), vol. I, p. 144</ref> Nel [[1931]], seguendo le direttive del partito, emigra in [[Unione Sovietica]] stabilendosi prima a [[Novorossijsk]], poi a [[Odessa]] e infine a [[Mosca (Russia)|Mosca]].
 
Nel 1933, per aver espresso critiche alla politica di [[Iosif Stalin|Stalin]], viene espulso dal partito, costretto ad allontanarsi e ad abbandonare la famiglia. Nel 1937 è arrestato ed accusato di attività controrivoluzionaria. [[Pena di morte|Condannato a morte]] per [[trotskismo|trockismo]], nel mentre era un bordighista, da una commissione OSO<ref>L'OSO, ''Osoboe Soveščanie'' (letteralmente: Conferenza speciale), era una commissione amministrativa, extragiudiziale, formata da tre membri, competenti per territorio: il segretario del partito, il responsabile della [[Narodnyj komissariat vnutrennich del|NKVD]] ed il procuratore. Venne largamente utilizzata, per ''velocizzare'' le condanne durante le [[Grandi purghe|purghe staliniane]] degli [[Anni 1930|anni trenta]].</ref>, viene fucilato, nello stesso anno, a quarantaquattro anni. Nel 1956, dopo la denuncia dei crimini staliniani fatta da [[Nikita Sergeevič Chruščёv|Chruščёv]] al [[XX Congresso del Partito Comunista dell'Unione Sovietica|XX Congresso del PCUS]], viene [[Riabilitazione post mortem|riabilitato]].
 
==Note==
 
== Bibliografia ==
* Erba Realdo, '' Dizionario dei comunisti italiani, dal 1921 al 1952 '', Formia (LT), 2015.
* Bigazzi, Francesco e Lehner, Giancarlo (a cura di). ''Dialoghi del terrore: i processi ai comunisti italiani in Unione Sovietica, 1930-1940''. Firenze, Ponte alle Grazie, 1991.
* Caccavale, Romolo. ''La speranza Stalin: tragedia dell'antifascismo italiano nell'Urss''. Roma, V. Levi, 1989.
== Voci correlate ==
* [[Comunismo]]
* [[Internazionalismo]]
* [[Stalinismo]]
* [[Grandi purghe]]
133 051

contributi