Apri il menu principale

Modifiche

253 byte aggiunti ,  1 anno fa
Nei primi anni ottanta, partecipa come ospite a varie trasmissioni dell'emittente romana [[Tele Roma 56]], la televisione del Prof. Arch. [[Bruno Zevi]]. Tele Roma 56 fu decisiva per le varie campagne referendarie radicali degli anni ottanta nel corso delle quali [[Marco Pannella]] fece i proverbiali scioperi della fame e della sete. Le scenografie di tutte le trasmissioni politiche dell'epoca erano proprio di Pino Zac. Alcuni disegni su carta, donati da Pino Zac a [[Luigi Del Mastro]], regista di molti di quei momenti politici, sono visibili nella sezione "Collegamenti esterni".
 
Nel [[1981]] illustra, in Francia, una rara edizione di [[Tarocchi]], i ''"Tarot de l'an 2000"''. Nel [[1983]] fonda ''L'Anamorfico'', una rivista anch'essa di satira politica che uscì per 5 numeri, da novembre 1983 a marzo 1984. La rivista era composta da una cartelline contenente sei fogli separati. Ognuno di questi si apriva tre volte, fino ad ottenere 4 facciate da 43x60 cm, grosso modo le dimensioni dei quotidiani di grande formato dell'epoca. Questo formato veniva utilizzato anche dall'intero numero de [[Il Male|Male]] quando contevenva parodie di grandi quoitidiani dell'epoca. Le pagine ospitavano spesso, ma non sempre, disegni [[Anamorfismo|anamorfici]]. La rivista pubblicò disegni di i [[Yves got]], [[Paola Marchesin]], [[Flavio Costantini]], [[Furio Scarpelli]] oltre ad alcuni fra i più grandi illustratori europei, e scritti di [[Oliviero Beha]], [[Oreste del Buono]], [[Antonio Amurri]], [[Maurizio Costanzo]], [[Paolo Liguori]], [[Bruno Ballardini]], [[Valter Vecellio]], Fabio Di Iorio, Franco Valobra e altri ancora.
 
Negli ultimi anni di vita si trasferisce a [[Fontecchio]] ([[L'Aquila]]), dove un infarto<ref>[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1985/08/27/un-infarto-ha-stroncato-pino-zac.html ''Un infarto ha stroncato Pino Zac'', La Repubblica, 27 agosto 1985]</ref> lo stronca a soli 55 anni.
333

contributi