Apri il menu principale

Modifiche

m
|anno = 1969
|postdata =
|durata = 47 min : 25 s
|numero di dischi = 1
|numero di tracce = 17
Il lato B è costituito quasi interamente da un lunghissimo ''[[medley]]'' in cui ballate e brani [[rock and roll]] si susseguono senza soluzione di continuità, con temi ripresi e variazioni, fino a un imponente crescendo finale. Fra i temi che si susseguono ce ne sono molti divenuti celebri, da ''She Came In Through the Bathroom Window'' a ''Golden Slumbers'', fino al celebre finale, in cui il potente crescendo introdotto da ''Carry That Weight'' si risolve all'improvviso nella delicata melodia di ''The End'', una canzone di una sola strofa: ''"and in the end the love you take is equal to the love you make"'', verso che John Lennon definì «cosmico e filosofico»<ref>{{Cita|Everett|p. 271}}.</ref>.
 
È decisamente un album importante e di altissimo livello<ref>«[''Abbey Road''] è un'opera di qualità sorprendente, forse addirittura il miglior album mai creato dal gruppo», {{Cita|Lewisohn, 1990|p. 427}}.</ref>: i quattro musicisti erano allora impegnati in personali carriere soliste e partecipavano solo raramente alle registrazioni e quasi mai tutti insieme.
 
Il disco registrò un successo di vendite, risultando l’LP dei Beatles più venduto di sempre con più di cinque milioni di copie commercializzate nel primo anno. A paragone, due anni prima le vendite di ''Sgt Pepper'' si erano fermate a tre milioni<ref>{{Cita|Brown|p. 343}}.</ref>.
[[File:Abbey Road 2010.JPG|thumb|upright=1.1|Turisti in posa sulle strisce (2010)]]
 
I riferimenti a questa celebre copertina in opere di altri artisti sono numerosi. ''[[The Abbey Road E.P.]]'', dei [[Red Hot Chili Peppers]], ha la copertina con i membri del gruppo intenti ad attraversare lo stesso passaggio pedonale completamente nudi tranne un calzino per ciascuno indossato per coprire il pene<ref>{{Cita web|lingua=en|url=http://www.redhotchilipeppers.it/ep/the-abbey-road-e-p|titolo=The Abbey Road E.P.|editore=''Official Website''|accesso=8 aprile 2017|autore=}}</ref>. Fra i tanti altri, hanno parodiato la copertina di ''Abbey Road'' in una delle loro opere discografiche i [[Beatallica]], [[Benny Hill]], [[Chubb Rock]] e [[Kanye West]]<ref>{{Cita web|lingua=en|url= http://www.coverbrowser.com/covers/abbey-road-hommage-covers|titolo=Abbey Road Hommage Covers|editore=''Coverbrowser''|accesso=8 aprile 2017|autore=}}</ref>.
 
Lo stesso McCartney, con riferimento alla leggenda della propria morte, riprese l'immagine nella copertina del suo album dal vivo ''[[Paul Is Live]]''<ref>{{Cita web|lingua=en|url=http://www.allmusic.com/album/paul-is-live-mw0000107328|titolo=Paul Is Live|editore=''Allmusic''|accesso=8 aprile 2017|autore=Thomas Erlewine}}</ref> e alla fine del video del brano ''[[Spie come noi|Spies Like Us'']]''<ref>''{{Cita web|url=https://www.youtube.com/watch?v=27ATt3FXAUY|titolo=Paul McCartney - Spies Like Us}}''</ref>.
2 737 512

contributi