Differenze tra le versioni di "Fermione"

Annullata la modifica 91598379 di 79.34.227.48 (discussione)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
(Annullata la modifica 91598379 di 79.34.227.48 (discussione))
Una [[Particella (fisica)|particella]] non elementare può essere un fermione (come i [[barione|barioni]]) o un bosone (come i [[mesone|mesoni]]), a seconda che contenga rispettivamente un numero dispari o pari di quark e abbia di conseguenza spin globale semintero o intero. Tale regola è valida anche per gli atomi. Diversamente, la natura fermionica o bosonica di una particella composta è indipendente dal numero di bosoni.
 
Il comportamento fermionico o bosonico di una particella composta o di un atomo (o sistema) si può notare solo a grande distanza (comparata alle dimensioni del sistema). In prossimità, dove le strutture spaziali incomincianoiniziano ad avere importanza, il comportamento segue le leggi dei costituenti elementari. Per esempio, due atomi di [[elio]], malgrado le loro proprietà bosoniche, non possono condividere lo stesso spazio se questo è confrontabile in dimensioni alla grandezza della struttura interna dell'atomo stesso (~10<sup>−10</sup>&nbsp;m). Così l'elio [[liquido]] ha una densità finita, confrontabile a quella della materia liquida ordinaria.
 
Le particelle che costituiscono la materia ordinaria sono fermioni elementari (leptoni) o composti (barioni). Il principio di esclusione di [[Wolfgang Pauli|Pauli]], al quale sottostanno i fermioni, è responsabile della "rigidità" della materia e della stabilità degli [[Orbitale atomico|orbitali atomici]], oltre a rendere possibile, nel caso degli elettroni, il [[legame covalente]] in [[chimica]].
Utente anonimo