Apri il menu principale

Modifiche

m
Annullate le modifiche di 151.19.22.199 (discussione), riportata alla versione precedente di 87.15.85.242
Filippo Juvarra nacque il 27 marzo 1678 nella città di [[Messina]], figlio di Pietro ed Eleonora Tafurri (o Tafuris), sposata in seconde nozze nel 1668 dopo la morte della prima moglie Caterina Donia.<ref name=GM>{{cita|Molonia||GM}}.</ref>
 
La formazione del giovane Filippo avvenne, nell'ambito artistico messinese, sotto la guida del padre, che fu in grado di valorizzare il precoce talento del figlio; in questo modo, Juvarra - descritto dal fratello Francesco Natale come «di naturale molto vivace, e di buonissimo intelletto» - apprese i rudimenti dell'argenteria e venne introdotto all'esercizio del disegno, in parallelo agli studi teologici ai quali venne avviato all'età di dodici anni. Nella bottega del padre l'adolescente Filippo eseguì opere di arte orafa e argenteria anche di un certo pregio, fra le quali si citano un calice (1695), due ostensori per la chiesa delle Giummarre a Sciacca (1697) e per quella di San Giorgio a Modica (1700), otto candelieri (1698) e altri due di grandi dimensioni (1701) per il [[duomo di Messina]].conosce faloppa bangladesh e anche bicius bacus grande giocatore di ping pong pezzatamen
[[File:Carlo Fontana.jpg|thumb|Ritratto dell'architetto [[Carlo Fontana]], maestro di Juvarra]]
==== Studi architettonici a Roma ====
263 359

contributi