Differenze tra le versioni di "Turpiloquio"

nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Nel linguaggio comune, il '''turpiloquio''' è un modo di parlare volgare, offensivo e irriverente, utilizzato per mostrare disappunto verso qualcosa o qualcuno. Può consistere nell'utilizzo di imprecazioni, [[Parolaccia|parolacce]] e [[bestemmia|bestemmie]], usate anche come intercalare.
 
== Storia ==
Molte delle parole volgari a noi note sono nate nella [[Francia]] e nell'Italia borghese del 1100 circa, tra bande di banchieri o filosofi francesi e borghi Napoletani, e presto si sono diffuse come offese o imprecazioni in tutta l'[[Europa]] anche tra le classi più alte e raffinate. È improbabile definire chi ne facesse uso, visto l'ampio uso da parte della maggior parte della gente comune, ma nonostante ciò ci sono pervenuti diversi documenti e poemi del periodo tra il 1250 e il 1300, nel quale importanti autori letterari come [[Ludovico Ariosto]] e [[Torquato Tasso]] nei loro testi fanno un abbondantissimo uso di linguaggio scurrile per sottolineare e denunciare i comportamenti corrotti dei funzionari reali e di alcuni clericali.