Differenze tra le versioni di "Musical Instrument Digital Interface"

Il progetto terminato apparve solo due anni dopo: nell'agosto del [[1983]] le specifiche MIDI furono presentate al pubblico alla fiera del ''National Association of Music Merchants – NAMM'', tenutasi a [[Los Angeles]]. L'immediata popolarità dello standard creò divisioni all'interno del comitato fondatore: i produttori americani si unirono nella ''MMA'' (''MIDI Manufactures Association''), mentre quelli giapponesi fondarono la ''JMA'' (''Japan MIDI Association''). Benché lavorassero su un terreno comune, i due consorzi svilupparono delle caratteristiche non sempre pienamente compatibili tra loro. Queste divergenze furono risolte nel [[1985]], quando la ''IMA'' (''International MIDI Association'') pubblicò la versione 1.0 delle specifiche MIDI, istituendo di fatto lo standard del protocollo. I costruttori che supportano il protocollo MIDI sono perciò riuniti in due associazioni: MMA (costruttori Americani ed Europei) e JMSC (costruttori Giapponesi). Le modifiche da apportare allo standard MIDI vengono discusse e approvate da queste due associazioni. La diffusione delle specifiche MIDI spetta all'IMA (International Midi Association).
 
Il primo synth dotato di interfaccia MIDI fu presentato nel [[1983]], nella [[tastiera elettronica|tastiera]] ''PROPHET 600'' della SCISIEL di Acquaviva Picena , anche se la versione definitiva del protocollo MIDI venne implementata l'anno seguente sulla [[Yamaha DX7]].
 
=== Connessioni elettriche ===
Utente anonimo