Differenze tra le versioni di "Piano di partizione della Palestina"

Ho eliminato il riferimento alla "natura coloniale della decisione" ed alla mancata consultazione della popolazione palestinese. Si tratta non di una rappresentazione dei fatti, ma di un giudizio politico.
(modifico in senso enciclopedico una espressione gergale)
(Ho eliminato il riferimento alla "natura coloniale della decisione" ed alla mancata consultazione della popolazione palestinese. Si tratta non di una rappresentazione dei fatti, ma di un giudizio politico.)
}}
 
Il 29 novembre [[1947]], il '''Piano di partizione della Palestina''' elaborato dall'UNSCOP (''United Nations Special Committee on Palestine'') fu approvato dall'[[Assemblea Generale delle Nazioni Unite]], a [[New York]] ('''Risoluzione 181 dell'Assemblea Generale'''). Tale Piano, destinato a risolvere [[Conflitti arabo-israeliani|il conflitto]] fra [[ebrei]] e [[arabi]], scoppiato già durante il [[Mandato britannico della Palestina]], proponeva la partizione del territorio palestinese fra due istituendi Stati, uno ebraico, l'altro arabo, con [[Gerusalemme]] sotto controllo internazionale. Il rifiuto di questo Piano dai Paesi arabi, ed il deterioramento delle relazioni fra ebrei e arabi in [[Palestina]], così come la natura prettamente coloniale della decisione presa senza neanche consultare la popolazione palestinese, condussecondussero alla [[Guerra arabo-israeliana del 1948]]-1949.
 
== Creazione del Piano ==
391

contributi