Differenze tra le versioni di "Anno 0"

124 byte aggiunti ,  3 anni fa
Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6)
m (Annullate le modifiche di 93.144.148.5 (discussione), riportata alla versione precedente di Adalhard Waffe)
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6))
La cronologia degli astronomi fu introdotta dall'astronomo francese [[Jacques Cassini]] nel [[XVIII secolo|Settecento]]. Per comodità essa usa il numero 0 per indicare l'anno 1 a.C. Gli anni avanti Cristo sono quindi indicati: −1 per l'anno 2 a.C., −2 per l'anno 3 a.C. e così via. Gli anni dopo Cristo invece vengono indicati con il semplice numero cardinale senza alcuna indicazione in lettere: 1 per 1 d.C., 2 per 2 d.C. e così via.<ref>[http://astro.bonavoglia.eu/cronolastr.html]</ref> La notazione degli storici e quella degli astronomi non vanno mai mischiate e scrivere −5 a.C. è errato perché non è chiaro che nomenclatura si sta usando e di conseguenza a che anno del calendario si sta facendo riferimento.
 
La notazione astronomica indubbiamente facilita i calcoli: si pensi al calcolo degli anni passati tra il 1º gennaio −9 ([[10 a.C.]]) e il 1º gennaio +10 ([[10|10 d.C.]]). Sono 19 anni e non 20 come potrebbe sembrare a prima vista. La cronologia degli astronomi viene spesso usata in ambito astronomico quando si fa riferimento a eventi antichi.<ref>{{en}} [http://sunearth.gsfc.nasa.gov/eclipse/SEhelp/dates.html Year dating conventions] {{webarchive|url=https://archive.is/20120715170522/sunearth.gsfc.nasa.gov/eclipse/SEhelp/dates.html |data=15 luglio 2012 }}: convenzioni per la datazione degli anni di Fred Espenak della NASA.</ref>
 
== L'anno 0 e l'inizio di secoli e millenni ==
1 299 287

contributi