Differenze tra le versioni di "Sfiducia costruttiva"

m
Annullate le modifiche di 79.23.101.163 (discussione), riportata alla versione precedente di Adalhard Waffe
(Pagina sostituita con 'è UNA MERDA ==Voci correlate== *Mozione di sfiducia {{Portale|diritto}} Categoria:Diritto costituzionale Categoria:Diritto comparato')
m (Annullate le modifiche di 79.23.101.163 (discussione), riportata alla versione precedente di Adalhard Waffe)
L'istituto della '''sfiducia costruttiva''' è uno dei mezzi usati da alcune [[costituzione|costituzioni]] approvate nel secondo dopoguerra per razionalizzare la [[forma di governo]] parlamentare, rafforzando la stabilità del [[governo]]. Consiste nell'impossibilità da parte del [[parlamento]] di votare la [[mozione di sfiducia|sfiducia]] al governo in carica se, contestualmente, non concede la fiducia ad un nuovo esecutivo. In questo modo un governo, seppur abbia perso la maggioranza parlamentare, può continuare a rimanere in carica nel caso in cui le forze politiche in parlamento non riescano ad accordarsi per formare un nuovo governo.
è UNA MERDA
 
L'istituto (''Misstrauensvotum'') fu introdotto in [[Germania]] dalla [[Legge fondamentale della Repubblica Federale di Germania|Legge fondamentale]] del [[1949]], il cui art. 67 al primo comma recita: "Il [[Bundestag]] può esprimere la sfiducia al [[Cancelliere federale (Germania)|Cancelliere federale]] soltanto eleggendo a maggioranza dei suoi membri un successore e chiedendo al Presidente federale di revocare il Cancelliere federale. Il Presidente federale deve aderire alla richiesta e nominare l'eletto". Dal 1949 sono state proposte solo due mozioni di sfiducia, di cui una ha avuto successo: nel [[1982]] quando [[Helmut Kohl]] successe allo stesso Schmidt nella cancelleria federale.
 
In seguito l'istituto è stato adottato anche da altri paesi, tra i quali la [[Spagna]], il [[Belgio]] (dal [[1993]]), la [[Slovenia]], l'[[Ungheria]] e l'[[Albania]] (dal [[2008]]). In particolare, la [[Costituzione della Spagna|Costituzione spagnola]] del [[1978]] all'art. 113, comma 2, recita "La mozione di censura dovrà essere presentata almeno da un decimo dei deputati e dovrà includere la proposta di una candidatura alla Presidenza del Governo", mentre l'art. 114, comma 2, aggiunge "Se il Congresso adotta una mozione di censura, il Governo deve presentare le dimissioni al Re e il candidato proposto nel testo della stessa mozione risulterà investito della fiducia della Camera agli effetti di cui all'art. 99. Il Re lo nominerà Presidente del Governo".
 
==Voci correlate==
90 561

contributi