Differenze tra le versioni di "Lingua norvegese"

→‎Alfabeto, dittonghi e pronuncia: 1:C'erano errori nella trascrizione fonetica. 2:Tra gli esempi della ø c'era anche karri, che non ce l'ha!
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Alfabeto, dittonghi e pronuncia: 1:C'erano errori nella trascrizione fonetica. 2:Tra gli esempi della ø c'era anche karri, che non ce l'ha!)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
|-
|EI, ei
|/æɪ/
|AI di torn'''ai'''. Il primo suono si imita molto bene se si pronuncia la /e/ con la bocca spalancata in posizione di "a". Quindi, è una "e" (come d'altronde si trova scritta in grafia) vagamente simile ad una "a" aperta. Un esempio è "N'''ei'''" ("no").
|-
| -EG(-), -eg(-)
| -/ejei/
|Ei di caff'''ei'''na, reperibile sia isolato a fine parola sia in mezzo.
È quindi un falso amico perché diventa dittongo con la mutazione di "g" in una "i" semivocalica. Un esempio è "J'''eg'''", che vuol dire "io".
|Ø, ø
|/ø/
|E di p'''e'''normero, chiusa e procheila (cioè si arrotondano le labbra). Si trova anche nel prestito "karri" (curry), che infatti è un falso amico
|-
|I, i
92

contributi