Differenze tra le versioni di "Ida (argonauta)"

nessun oggetto della modifica
{{Personaggio
|medium = mitologia
|saga = [[Le Argonautiche]]
|nome italiano = Ida (Idas)
|nome = Ἴδας
|immagine = Rape Marpessa Staatliche Antikensammlungen 2417.jpg
|immagine =
|didascalia = Il rapimento di Marpessa ad opera di Ida
|epiteto =
|sesso = Maschio
== Il mito ==
=== La disputa con i dioscuri ===
 
Ida e suo fratello gemello [[Linceo (figlio di Afareo)|Linceo]], dalla vista infallibile, avevano come promesse spose due sacerdotesse, Febe e Ilaira, che furono però rapite dai gemelli Castore e Polluce, noti come i [[Dioscuri]] e che da essi ebbero molti figli.
 
 
=== La sfida finale con i Dioscuri ===
 
Ida, insieme con il suo fratello gemello, partecipò alle imprese degli [[Argonauti]], aiutando Giasone a recuperare il [[vello d'oro]]. Durante il viaggio si ritrovarono alleati ai loro acerrimi rivali, i Diòscuri. Al termine dell'impresa e dopo la morte di Afareo tutti e quattro compirono una razzia di bestiame in [[Arcadia]], conclusa la quale ci si giocò il compito di dividere il bottino: ciascuno ricevette un grosso pezzo di una vacca, e il primo che finiva la propria parte poteva scegliere le migliori bestie.
 
Linceo, grazie alla sua vista, li aveva scorti dal monte [[Taigeto]] dove stavano sacrificando del bestiame a Poseidone. Ida, avvisato dal fratello, scagliò la propria lancia contro Castore che morì trafitto.
 
Polideuce/PolllucePolluce, infuriato, si scagliò contro Ida che lo accolse con la pietra tombale di Afareo con cui lo colpì pesantemente; ferito ma non morto il Diòscuro uccise Linceo con la sua lancia, ma quando stava per essere ucciso da Ida intervenne Zeus che uccise quest'ultimo con una [[fulmine|folgore]] per difendere il proprio figlio.
 
==== Pareri minori e altre imprese ====
39 002

contributi