Semilavorato: differenze tra le versioni

concetto di semilavorazione sito prof.Castri
m (Bot: Aggiungo template {{Thesaurus BNCF}})
(concetto di semilavorazione sito prof.Castri)
{{Nota disambigua|il prodotto intermedio di una reazione chimica|Intermedio di reazione|Prodotto intermedio}}
Con il termine '''semilavorato''' o '''prodotto intermedio''' si intende un particolare [[Prodotto (economia)|prodotto]] che necessita di ulteriori [[Lavorazione|lavorazioni]] per essere [[Commercializzazione|commercializzato]] come [[prodotto finalefinito]]. In altre parole, il semilavorato non ha altra [[funzione (ingegneria)|funzione]] che non sia la sua successiva lavorazione.
 
Il D.p.r. n. 1496 del 30 dicembre [[1970]] fornisce la seguente definizione di semilavorati:
== Esempi di semilavorati ==
 
Un esempio di semilavorato nel campo dell'[[edilizia]] è la [[piastrella]] o il tessuto di cotone che sarebbe un primo semilavorato,un secondo semilavorato sarebbe il tessuto colorato e il terzo semilavorato sarebbe il tessuto colorato e cucito non c'è una quarta lavorazione perchè fatto questo il prodotto diventa un prodotto finito.
 
Nell'[[industria chimica]] esistono molti casi di prodotti intermedi. Ad esempio la maggior parte dell'[[etilene]] prodotto viene utilizzato per sintetizzare altre sostanze chimiche. A loro volta, alcuni prodotti dell'etilene (tra cui [[etilbenzene]], [[ossido di etilene]], [[acetaldeide]], [[1,2-dicloroetano]]) costituiscono dei prodotti intermedi, in quanto vengono utilizzati per la sintesi di altre sostanze, mentre altri prodotti dell'etilene (tra cui [[polietilene]]) costituiscono il prodotto finale.
Utente anonimo