Muhammad V di Granada: differenze tra le versioni

m
Bot: rimuovo righe in eccesso (vedi richiesta)
m (Fix tmpl)
m (Bot: rimuovo righe in eccesso (vedi richiesta))
Ereditò il trono da [[Yusuf I|Yūsuf I]] ma lo perse nell'agosto del 1359 a causa del fratellastro [[Ismaʿil II di Granada|Ismāʿīl II]] e cercò quindi protezione presso il [[Sultano]] [[Merinidi|merinide]] del [[Marocco]], dove Muḥammad ammirò gli eccellenti esempi di architettura locale. Ismāʿīl fu a sua volta detronizzato e ucciso con suo fratello Qays meno di un anno più tardi, nel 1360, da un loro cognato, Abū Saʿīd, che governò col nome di [[Muhammad VI di Granada|Muḥammad VI]].
 
Durante il triennio di regno di Muḥammad VI, Muḥammad V complottò per un suo ritorno al potere. Un'occasione gli si presentò nel 1362 quando re [[Pietro I di Castiglia]] (Pedro el Cruel) invitò ingannevolmente Muhammad VI nel suo reame. Lì, a [[Siviglia]], egli fu assassinato e la sua testa inviata a Muhammad V come dono per il suo ritorno sul trono. <br />Come gesto di buone relazioni tra lui e il Sultano [[merinide]], il primogenito di Muḥammad V, [[Yusuf II di Granada|Yūsuf II]], si sposò con la figlia del Sultano merinide.<br> />
Muḥammad V fu il munifico committente di un ''[[maristan]]'' che fu completato nel 1366, fece inoltre costruire il patio dei leoni dell'[[Alhambra]]. Egli impiegò il poeta e diplomatico [[maghreb]]ino [[Ibn Khaldun]] per i suoi negoziati con [[Pietro il Crudele]].
 
==Morte==
Muḥammad V morì il 16 gennaio 1391. Ebbe almeno quattro figli: [[Yusuf II di Granada|Yūsuf II]], Naṣr, Muḥammad e Saʿd.<br> />Gli succedette suo figlio Yūsuf II.
 
==Bibliografia==
{{S-end}}
<-->
 
 
{{Portale|biografie}}
3 185 531

contributi