Differenze tra le versioni di "Cantade e ballade bois"

m
Bot: rimuovo righe e spazi in eccesso (vedi richiesta)
m (Corretto: "dà il titolo")
m (Bot: rimuovo righe e spazi in eccesso (vedi richiesta))
|-
|<poem>
«Cantade e ballade bois<br />ca sos ballos sun sos bostros <br />cand an benner sos nostros<br />amus a ballare nois.»</poem>
|<poem>
 
allora balliamo noi.»</poem>
<small>[[Francesco Masala]], [[1981]]</small>
|}
 
'''''Cantade e ballade bois''''' è una canzone scritta e musicata dal cantautore [[Piero Marras]] nel [[1995]] ed inserita nell'[[Album discografico|album]] [[Tumbu]]. Il [[ritornello]] (''torrada'') è costituito da versi del poeta [[Francesco Masala]] contenuti nel componimento ''Cantone de sos piseddos campagnolos'' (in [[lingua italiana|italiano]]: ''Ballata dei fanciulli contadini''), nella raccolta ''Poesias in duas limbas-Poesie bilingui'' pubblicata nel [[1981]] dall'editore [[Vanni Scheiwiller]]<ref>Franziscu Masala, ''Poesias in duas limbas-Poesie bilingui'', Vanni Scheiwiller, Milano, 1981 - 2ª edizione 1993 ISBN 88-7644-191-3 EAN: 9788876441912</ref>.
 
== Il testo ==
Il testo della poesia di Masala è una sorta di [[filastrocca]] evocativa dell'infanzia e dei giochi e giocattoli dei ''fanciulli contadini''.
 
Il testo di Piero Marras assume un significato velatamente politico: ''come l'acqua corre al mare così il popolo anela alla libertà'' oppure ''ogni epoca farà parte della storia ed ogni identità della memoria'', ma la parte che rimane impressa è il ritornello di Francesco Masala, che viene ripetuto alla fine di ogni strofa ed il cui incipit dà il titolo alla canzone.
* [[Giampaolo Conchedda]]: Batteria
* Salvatore Scala: Chitarra etnica
 
 
== Note ==
<references/>
==Altri progetti==
 
{{Portale|musica}}
 
3 038 982

contributi