Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 1 anno fa
nessun oggetto della modifica
Gli anni '20 e '30 furono caratterizzati da una sempre più intensa attività progettuale, che comprendeva partecipazioni a concorsi e varie collaborazioni tra cui ai progetti dei [[palazzi dell'INA e dell'INPS]] all'[[EUR]]. In quegli anni fu una delle figure più importanti dell'architettura italiana, ma fu oggetto di critiche da parte di alcuni intellettuali legati al [[movimento moderno]].
 
Oltre a numerosissimi edifici residenziali, progettò importanti edifici pubblici di Milano tra cui l'[[Università Cattolica del Sacro Cuore]] in Largo Gemelli a Milano (1927-34) ed il [[Palazzo dell'Arte]] al [[Parco Sempione (Milano)|Parco Sempione]] (sede della [[Triennale di Milano]]) e il [[Tempio della Vittoria (Milano)|Tempio della Vittoria (Milano)]].
 
Tra il [[1940]] e il [[1942]] partecipò al concorso internazionale per l'[[Anıtkabir]], il [[mausoleo]] di [[Mustafa Kemal Atatürk]]. Il suo progetto<ref>{{cita web|http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje9.htm|Anıtkabir - b. Project Number 41: Giovanni Muzio|01/07/2011}}</ref> si classificò secondo nel secondo gruppo<ref>Il concorso per l'Anıtkabir, con 49 partecipanti, si concluse con un primo gruppo di 3 progetti vincitori e un secondo di 5 progetti meritevoli di menzione cfr.{{cita web|http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm|Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition|01/07/2011}}</ref> dei 5 progetti meritevoli di menzione<ref>{{cita web|http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm|Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition|01/07/2011}}</ref>.
824

contributi