Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
|suddivisione_testo=
}}
La '''patata''' (''Solanum tuberosum'' [[Carl von Linné|L.]]) è una [[Plantae|pianta]] [[erba]]cea appartenente alla [[Famiglia (tassonomia)|famiglia]] delle [[Solanaceae]] ([[Dicotiledoni]]), originaria del [[Perù]], della [[Bolivia]], del [[Messico]] e del [[Cile]] e portata in [[Europa]] dagli spagnoli nel [[XVI secolo]] intorno al 1570. Non si conoscono varietà spontanee né si sa da quale specie originaria di ''Solanum'' si sia originata la patata edule diffusa dal Centro e Sud America ede ora consumata in diverse parti del mondo.
 
== Etimologia ==
La presenza della patata coltivata nelle zone più elevate della regione delle [[Ande]] risale al II millennio a.C., dove la patata veniva essiccata e costituiva una risorsa di scorta.
 
La essiccazione naturale, preceduta da esposizione ai geli notturni e seguita da prolungati lavaggi e sbiancature, è un complesso procedimento che permetteva tra l'altro l'estrazione di sostanze tossiche, presenti in abbondanza nelle varietà che erano coltivate: tale procedimento è possibile solo con le varietà originarie (strettamente brevidiurne e che quindi maturano in tardo autunno), e nell'ambiente fortemente soleggiato e con valori di umidità atmosferica estremamente bassi, condizione peculiare ede unica degli altopiani andini da 3200 a 4800 m di quota.
[[File:Solanum tuberosum.png|thumb|left|''Solanum tuberosum''<br />Tavola botanica di [[Gaspard Bauhin]] ([[1591]]).]]
La probabile ibridazione con specie cilene, non legate al ciclo brevidiurno, (che quindi maturano nella prima estate) ede inoltre a ciclo breve (da 40 a 80 giorni dalla semina, contro gli otto mesi della patata degli altopiani) permise di ottenere la patata a tutti nota, che si è diffusa in buona parte del mondo.
Contrariamente a quanto accaduto ad altre colture di larga diffusione provenienti dal Nuovo Mondo e in seguito diffuse, con tempi e modi diversi, per tutto il globo, (quali ad esempio il [[pomodoro]] o il [[Zea mays|mais]]), la patata raggiunse un certo successo solo in [[America del Nord]] ede in [[Europa]], per contro non fu accolta in [[Cina]], [[Giappone]], e in tutta l'area [[islam]]ica.
 
Anche in Europa la diffusione della coltivazione fu lenta, influenzata da una diffidenza nei confronti di ciò che "cresce sottoterra" fino ad arrivare ad affermare che il consumo diffondesse la lebbra e ad asserire, nell'[[Encyclopédie]] del 1765, che si tratta di "cibo flatulento".
 
Più incisiva fu la diffusione in aree come la [[Svezia]], la [[Svizzera]] e soprattutto la [[Germania]].
L'agronomo francese [[Antoine Parmentier]], rientrato in Francia nel 1771 in seguito ada un periodo di prigionia trascorso in [[Prussia]] dopo la [[Guerra dei sette anni]], prese parte ada un concorso indetto dall'Accademia di [[Besançon]] sulla ricerca di possibili sostituti del pane<ref>Il titolo esatto del concorso era ''Quels sont les végétaux qui pourraient-être substitués en cas de disette à ceux que l'on emploie communément et quelle en devrait être la préparation?''</ref>, e redasse un articolo sul valore nutrizionale della patata. Sempre nel [[XVIII secolo|'700]] anche l'economista [[Antonio Zanon]] condusse una battaglia per l'introduzione della patata nell'agricoltura della pianura friulana, mentre alla fine dello stesso secolo l'avvocato ede agronomo [[Cuneo|cuneese]] [[Giovanni Vincenzo Virginio]] si adoperò per cercare di diffondere la patata in [[Piemonte]] pubblicando nel [[1799]] in Torino, presso la Stamperia Reale, il ''Trattato della coltivazione delle patate o sia pomi di terra volgarmente detti tartiffle, dato in luce dall'avvocato Vincenzo Virginio, Socio ordinario della Reale Società agraria di Torino e di altre Accademie, dedicato agli accurati Agricoltori del Piemonte'' ede arrivando a distribuire gratuitamente patate al popolo a scopo promozionale.
 
== Peronospora ed emigrazione degli irlandesi ==
I tuberi presentano un'[[epidermide (botanica)|epidermide]] sottile ricoperta da piccole [[lenticelle]], [[sughero|suberificate]] in condizioni di mancanza d'acqua. La presenza di acqua favorisce la crescita di cellule corticali che rompono il sughero e formano delle aperture nelle lenticelle.
 
Al di sotto dell'epidermide si trova il [[Corteccia (botanica)#Periderma|periderma]], il [[floema]] lo [[xilema]] ede il [[midollo (botanica)|midollo]]. Tutti questi tessuti sono collegati agli "occhi", delle strutture da cui si originano delle [[Gemma (botanica)|gemme]], che rimangono dormienti durante lo sviluppo del tubero ma che possono originare nuovi [[Glossario botanico#S|steli]].
 
=== Foglie ===
Occorre ricordare che la coltivazione della patata, pur soddisfacente per la produzione di tuberi da consumo in una grande varietà di climi e di temperature, è in realtà il prodotto di una moltiplicazione clonale e non di una riproduzione da seme.
 
L'accumulo, anno dopo anno, di virus vegetali all'interno dei tuberi, soprattutto ada effetto di alte temperature, anche se non produce problemi al consumo, produce invece un progressivo decadimento delle qualità vitali dei tuberi stessi, impedendo la coltivazione per più di qualche anno dei tuberi prelevati dal raccolto.
 
In realtà i tuberi detti "da seme" sono "riprodotti" e conservati in condizioni controllate e soprattutto in ambienti che siano simili a quelli dei luoghi di origine della patata, quindi di buon irraggiamento solare in fase vegetativa, ma con temperature che siano mantenute basse, sia per la vegetazione chesia per la conservazione.
Questo non è economico effettuarlo artificialmente, lo è invece effettuarlo dove tali condizioni ambientali sono normali, come in particolari regioni di montagna o in paesi a clima estivo fresco.
In effetti la coltivazione da reddito delle patate è condizionata dalla presenza e dal prodotto annuale di tali luoghi riproduttori.
Utente anonimo