Differenze tra le versioni di "Mosè Maimonide"

rb
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6.2))
(rb)
 
[[File:Israel - Tiberias - Maimonide grave 001.jpg|thumb|upright=0.9|La lapide sulla tomba di Maimonide]]
Gli ultimi anni della sua vita trascorsero in relativa pace, rispettato e onorato tanto nel mondo arabo in qualità di filosofo, quanto nelle comunità europee della [[diaspora ebraica|diaspora]] come medico e maestro. Morì il 13 dicembre del [[1204]],<ref name="goldin">La data di morte a volte è data come 12 dicembre 1204. Cfr. Hyman E. Goldin, ''[[Shulchan Aruch|Kitzur Shulchan Aruch]] – Code of Jewish Law'', Premessa alla nuova ed. (New York: Hebrew Publishing Company, 1961)</ref> amato e compianto. Si crede che venisse per breve tempo sepolto nello studio (''Beth midrash'', {{lang-he|בית מדרש}}, "Casa dell'Apprendimento") presso la corte della [[sinagoga]], e che, poco dopo e secondo i suoi desideri, la salma fosse esumata e portata a [[Tiberiade]] per una sepoltura definitiva.<ref>''The Life of Maimonides''[https://web.archive.org/web/20101120223728/http://jnul.huji.ac.il/v-exhibitions/rambam/eng/life.html%7D%7D}}, "Jewish National and University Library".</ref> La [[Tomba di Maimonide]] sulla sponda occidentale del [[Mare di Galilea]] a [[Israele]] segna la sua collocazione, a volte contestata dagli ebrei [[Il Cairo|cairoti]] che tradizionalmente affermano sia rimasto sepolto in [[Egitto]].<ref>"The End of the Exodus from Egypt" su [https://web.archive.org/web/20110717004152/http://www.hsje.org/The%20end%20of%20the%20Exodus%20from%20Egypt.pdf ''hsje.org''] ''HaAretz Daily Newspaper'', Israele: Amiram Barkat, 21 aprile 2005.</ref>
 
Maimonide e sua moglie, figlia di un certo Mishael ben Yeshayahu Halevi, ebbero un figlio che sopravvisse fino alla maturità,<ref>אגרות הרמב"ם מהדורת שילת</ref> [[Abraham ben Maimon|Abraham]], riconosciuto come grande studioso e che successe a suo padre come ''Nagid''<ref name="Nag">'''Nagid''', {{ebraico|'''נגיד'''}}, è un termine [[ebraico]] che significa "principe" o "capo". Tale titolo veniva spesso attribuito ai leader religiosi delle comunità ebraiche [[sefarditi|sefardite]] durante il [[Medioevo]], generalmente in [[Egitto]].</ref> e medico di corte all'età di diciotto anni. Onorò grandemente la memoria del genitore e nel corso di tutta la sua carriera difese gli scritti paterni contro i critici. La funzione di Nagid venne tenuta dalla famiglia di Maimonide fino alla fine del [[XIV secolo]].
{{Citazione|''Da Mosè a Mosè, nessuno è grande come Mosè''<ref>Epitaffio sulla tomba di Maimonide. Il primo [[Mosè]] della frase è, naturalmente, il [[profeta]] che ha parlato con Dio sul [[Monte Sinai biblico|Sinai]]; il secondo Mosè è Mosè Maimonide: dall'uno all'altro, non ne esistono più grandi.</ref>}}
 
I [[Sefarditi]], soprattutto in [[Marocco]], si riuniscono al termine della [[Pesach]] per festeggiare la Mimmuna: felice e completata conclusione della festività con deliziose prelibatezze alimentari, secondo alcuni appunto anche in onore del grande Maestro. Il termine ''Mimmuna'' presenta la medesima radice ebraica della parola ''Emunah'', ovvero ''fede'': resta dimostrata una certa qual dimestichezza con gli usi della religione ebraica appunto radicata nell'ebreo; proprio tale tendenza connaturata alla verità, talvolta anche con grande originalità comunque senza tradire le regole ebraiche, ha permesso anche a Maimonide di avere un confronto dialettico ed intellettivo con la cultura religiosa non ebraica... ed è forse questo il motivo predominante dell'accostamento del suo nome, Maimonides, all'appellativo, consueto ma in ambito ebraico innovativo, ''razionalista''.
 
== Testi in italiano ==