Differenze tra le versioni di "Lalli (cantante)"

Calca le scene fin dalla seconda metà degli anni '70 come voce del gruppo torinese dei [[Franti]] in cui militano anche [[Stefano Giaccone]], [[Marco Ciari]], [[Massimo d'Ambrosio]] e [[Vanni Picciuolo]]. Anche se apparentemente misconosciuti, i Franti costituiscono il seminale punto di partenza del movimento dark-punk anarchico italiano. Precursori del movimento del no-copyright, da loro definito "una legge fascista che limita la diffusione delle idee", hanno autoprodotto i loro dischi incitandone la libera distribuzione. Lalli è fin dall'inizio la voce del progetto Franti ed oggi porta avanti con indiscutibile coerenza il prosieguo di quel filo iniziato trent'anni fa.
 
Dopo lo scioglimento dei Franti, nel 1987, con [[Stefano Giaccone]] Lalli ha dato vita a numerosi progetti tra i quali vale la pena ricordare gli ''[[Environs]]'', ''[[Orsi Lucille]]'', ''[[Howth Castle]]''<ref name=Guglielmi>{{cita news|autore=Federico Guglielmi|titolo=Rock (non in) italiano: 50 album fondamentali|pubblicazione=[[Il mucchio selvaggio (rivista)|Mucchio Extra]]|data=#38 estate 2012|editore = Stemax Coop}}</ref>, ''[[Ishi]]'' oltre alla riunione dei Franti, nel 1991, per incidere le canzoni del gruppo-progetto collaterale ''Il lungo addio''.
 
Per l'esordio solista bisogna però aspettare il [[1998]] quanto incide un album - ''[[Tempo di vento]]'' - prodotto da [[Mario Congiu]] e pubblicato dalle edizioni [[Il manifesto]] che ottiene un buon successo di pubblico e di critica; è infatti considerato da ''[[Rockerilla]]'' il miglior disco di rock italiano del 1998 e ''[[Il Mucchio Selvaggio (rivista)|Il Mucchio Selvaggio]]'' le assegna il Premio Fuori dal Mucchio come miglior disco d'esordio italiano.
29 990

contributi