Differenze tra le versioni di "Cellula della glia"

m
m (Annullate le modifiche di 79.53.150.218 (discussione), riportata alla versione precedente di Syrio)
Etichetta: Rollback
===== Glia radiali =====
 
Durante lo sviluppo del sistema nervoso, le glia radiali forniscono l'impalcatura per la migrazione verso l'esterno delle cellule corticali. Nel cervello maturo il [[cervelletto]] e la [[retina]] continuano ad avere particolari cellule gliali radiali. Nel cervelletto prendono il nome di [[Glia di Bergmann]] e regolano la [[plasticità sinaptica]]. Nella retina la principale cellula della glia è la cellula di Müller che partecipa alla comunicazione bidirezionale con i neuroni. La cellula di Müller attraversa lo strato retinico partendo dalla parte più interna della retina, i suoi prolungamenti raggiungono i segmenti interni dei [[Fotorecettore|fotorecettori]] formando delle giunzioni strette con essi, tali che al microscopio appaiono come un'unica striscia denominata membrana limitante esterna (o terzo strato della retina).
 
===== Glia esprimente NG2 =====
 
La [[NG2-Glia]] sono quelle particolari cellule che esprimono il [[Proteoglicano|proteglicano]] Nerve-glial antigen 2 (NG2), chiamate anche progenitori degli oligodendrociti (OPC). Sono cellule non del tutto differenziate, presenti lungo la linea differenziativa della glia ristretta, che fungono unicamente da serbatoio per nuove cellule oligodendrocitarie.
 
==== Sistema nervoso periferico ====
===== Cellule satelliti =====
 
Le cellule satelliti (da non confondere con le [[cellula satellite|cellule satellite]] del tessuto muscolare, a significato staminale) sono piccole cellule che delimitano la superficie esterna dei [[Soma (biologia)|pirenofori]] dei neuroni nel sistema nervoso periferico. Troveremo quindi le cellule satelliti nei gangli encefalo-spinali (a ricoprire i pirenofori dei neuroni pseudounipolari di senso) e nei gangli del sistema nervoso autonomo (a ricoprire i pirenofori dei neuroni multipolari visceromotori). Le cellule satelliti regolano gli scambi di sostanze nutritizie tra i pirenofori e il liquido extracellulare. Cooperano inoltre nell'isolare il neurone da stimoli diversi da quelli prodotti a livello delle sinapsi.
 
==Note==